Giorgio Schmidt Sindaco

(cliccare sui titoli)

1. LE PERSONE AL CENTRO DELL’ATTIVITÀ AMMINISTRATIVA

IDEE GUIDA
Senza condivisione la democrazia rischia di essere una delega in bianco. Amministrare una Comunità si concretizza prima di tutto in un’attività di ascolto e comunicazione. Ascolto delle richieste delle aspettative dei cittadini che va fatto giorno per giorno nel rapporto e nell’incontro con la gente; disponibilità al dialogo e all’incontro significa anche avvicinare la Pubblica Amministrazione ai problemi della gente. Crediamo fermamente che la condivisione e la comunicazione sia spesso facilitata dalla relazione, per questo reputiamo importante la presenza e partecipazione degli amministratori agli eventi presenti sul territorio, alle assemblee delle associazioni, agli incontri pubblici a vari livelli. Comunicare le intenzioni, le decisioni e le informazioni che sono alla base delle scelte sono la premessa più importante per un’attività amministrativa condivisa e partecipata. Per fare ciò è necessario utilizzare tutti i sistemi di informazione che la tecnologia oggi ci offre ed anche individuare sedi adatte ad incontri pubblici, soprattutto nelle Frazioni di Brenta e Lochere che ne sono totalmente prive.

PROPOSTE
> Rendicontazione sociale: realizzazione di incontri pubblici, valutazione collettiva, dibattiti, conferenze a tema specifico con la popolazione

> Rapporto paritario del cittadino con la Pubblica Amministrazione: istituzione di una scheda per la segnalazione del grado di soddisfazione dei cittadini ed eventuali reclami

> Utilizzo di nuove tecnologie di comunicazione, sms, pagina Facebook dell’Amministrazione comunale. Potenziamento sito Internet comunale

> Raccolta di indirizzi mail e nr di cellulare per chi desidera essere informato sull’attività del Comune, in merito gli Ordini del giorno del Consiglio comunale, informazioni istituzionali o tecniche come chiusura strade, sospensione del servizio idrico o altro

2. POLITICHE SOCIALI, ASSOCIAZIONISMO, CULTURA

IDEE GUIDA
Parlare di politiche sociali significa mettere al centro di ogni azione i bisogni che riguardano la persona, la famiglia, la condizione lavorativa, sanitaria, il tenore di vita, la sicurezza. Va dedicata un’attenzione particolare alle persone con problematiche di fragilità sociale o familiare. Compito dell’Amministrazione Comunale è promuovere lo sviluppo sociale della Comunità ed evitare che si realizzino situazioni di emarginazione sociale e di disagio.
Un ruolo fondamentale nella realizzazione e valorizzazione della persona è svolto dal volontariato e dalle numerose associazioni operanti sul territorio che portano avanti un’attività estremamente preziosa nel coinvolgimento delle persone nel campo sociale, sportivo, culturale e ricreativo e rappresentano una colonna portante della nostra comunità. Esse chiedono agli amministratori comunali la sicurezza di poter contare su un concreto sostegno economico, senza il quale ogni attività è preclusa, ma soprattutto un supporto logistico, un coordinamento delle attività ed una vicinanza morale che si traduce in una grande considerazione per il loro insostituibile ruolo di promotrici dello sviluppo sociale e culturale del nostro paese. La forza ed il valore delle associazioni è anche la dimensione di palestra di partecipazione democratica che deve trovare nell’Ente pubblico un interlocutore rispettoso, capace e competente.
Dare dignità alle persone significa anche offrire opportunità d’impiego per valorizzarle attraverso il loro contributo lavorativo. Infatti, da poco sono state introdotte alcune misure legislative che danno la possibilità alle Amministrazioni pubbliche di impiegare, anche temporaneamente, i lavoratori inattivi che già percepiscono un’indennità di disoccupazione. Con l’ausilio di questi strumenti daremo la possibilità alle persone di essere utili al proprio paese.

La cultura è uno degli elementi fondamentali che caratterizza la nostra proposta politica. Essa rappresenta ed esprime il nostro essere e ci aiuta, anche attraverso la storia, gli uomini e le idee che hanno fatto il nostro passato, a progettare il presente e il futuro in un ottica di crescita e di sviluppo. La cultura è musica, teatro, arte, cinema, letteratura ed altro ancora.
Ma, in particolare, è il senso della ricchezza di una realtà e la capacità di individuare l’unicità di una comunità, di valorizzarla e farne l’elemento di riconoscibilità e apprezzamento. La cultura di un territorio ne giustifica la scelta fra gli altri, per una trascorrervi una vacanza o per viverci stabilmente. La cultura è anche sviluppo e crescita umana, civile ed economica del proprio territorio e apertura verso il mondo.
In questo senso, sono numerosi gli eventi e gli incontri a carattere culturale che l’Amministrazione comunale vuole promuovere e sostenere e che meritano una particolare attenzione perché sono una risorsa per tutti.
Importante è anche il coinvolgimento del mondo dei giovani. Attraverso l’ascolto, l’attenzione e il rispetto si vuole coinvolgerli nella gestione della cosa pubblica, per dare loro una reale opportunità di partecipazione, individuando spazi di proposta e pensiero dove poter contare e realmente incidere nelle scelte. Quando i giovani chiedono spazi non intendono solo muri o luoghi, ma riconoscimento e attenzione.
Intendiamo, inoltre, continuare la preziosa collaborazione con la Parrocchia, luogo di diverse proposte e momenti di riflessione per e con la Comunità, particolare risorsa per le attività rivolte ai giovani del paese. Il dialogo fra i due enti, civile ed ecclesiastico, resta fondamentale per un’attività culturale che sia in linea con la tradizione e la storia del paese stesso.

PROPOSTE

> Attenzione ai bambini ed alle loro famiglie: adesione al Marchio Family Trentino, sostegno delle attività del Nido, della Scuola Materna, della scuola primaria e cura dei luoghi dove bambini si incontrano, edifici scolastici, parchi pubblici, strutture sportive con particolare riguardo alla loro sicurezza

> Attenzione ai giovani. Sostegno ai progetti del Tavolo per le politiche giovanili che riguardano nuove esperienze lavorative. Impegno a ricercare spazi in cui possano esprimere le loro potenzialità

> Attenzione agli anziani. Sostegno alle persone in difficoltà attraverso l’attivazione delle strutture sociali di assistenza. Messa disposizione dei locali per il Centro servizi Diurno, sostegno al Gruppo pensionati ed anziani per le loro iniziative

> Individuazione ed apprestamento di un’area permanente dotata di strutture fisse per l’utilizzo da parte di tutte le associazioni per feste o occasioni di incontro ludico-ricreativo

> Potenziamento della struttura, dell’offerta culturale e dei canali di comunicazione della Biblioteca comunale

> Sostegno alle associazioni. Sistemazione di alcune sedi di associazioni oggi inadeguate e realizzazione della Consulta delle Associazioni con finalità consultive e di proposta

> Implementazione sistema di videosorveglianza per la sicurezza pubblica soprattutto presso le scuole, il Nido e gli Ambulatori

> Valorizzazione dei percorsi, degli eventi e dei siti culturali già esistenti sul nostro territorio e sostegno alla realizzazione di nuove iniziative in campo culturale

> Utilizzo per i lavori socialmente utili dei lavoratori che si trovano nelle condizioni per essere assunti dalle Pubbliche Amministrazioni

> Individuazione e messa a disposizione di un’area da adibire ad orti per residenti

> Supporto logistico, organizzativo e progettuale alle attività culturali

> Impegno a individuare e realizzare un’area pubblica dove si possano portare i cani in libertà, gestita da un’associazione sensibile alle esigenze degli amici a 4 zampe

3. TERRITORIO, LAVORI PUBBLICI

IDEE GUIDA

Il territorio è l’elemento centrale della nostra economia ed è una risorsa limitata e non rinnovabile che va protetta e custodita con grande attenzione per tramandarla alle nuove generazioni. La recente approvazione della variante al Piano Regolatore Generale va in questa direzione. Non abbiamo in programma altre modifiche allo strumento urbanistico; alcune risposte ai privati richiedenti sono state date ove possibile e le eventuali ulteriori necessità pubbliche potranno essere soddisfatte con lo strumento della variante puntuale. Lo strumento dello scambio pubblico-privato deve essere utilizzato solo per effettiva necessità pubblica e non per soddisfare le esigenze del privato. Le nostre scelte in questo senso sono sotto gli occhi di tutti.
E’ necessario riportare l’attenzione sul Centro Storico, promuovendo un generale recupero del grande patrimonio edilizio esistente, partendo da un censimento della volumetria edificata non utilizzata ed incentivandone una sua riqualificazione anche attraverso nuovi concetti di costruzione.
Ricordiamoci che le nuove aree per finalità pubbliche, come ad esempio strutture scolastiche, commerciali e artigianali devono essere individuate a livello sovracomunale e di Comunità di Valle e non dai singoli Comuni.
Ci impegniamo al completamento dei lavori pubblici in corso e di quelli già finanziati, che sono la riqualificazione delle spiagge, il nuovo parco al Lago, il completamento dell’acquedotto comunale, il marciapiede in Via Spiazzi, il giardino presso l’Asilo Nido.

Per la nuova programmazione è necessario essere molto realisti e non vogliamo fare promesse eclatanti ai cittadini. Siamo consapevoli che le risorse pubbliche a disposizione nei prossimi anni saranno veramente scarse e quindi non ci sembra corretto fare grandi promesse elettorali. Sappiamo bene quali sono le esigenze della nostra Comunità, alcune sono già state programmate nelle varianti urbanistiche approvate recentemente e faremo il possibile per reperire i finanziamenti per la loro realizzazione. Ci riferiamo al sottopasso per il superamento della ferrovia verso Via Lago e Brenta o all’immobile ex Giardino, importante per la sua posizione centrale. Opere dal valore ingente e per le quali la logica della compensazione pubblico-privato va attuata solo in presenza di precisi progetti per la realizzazione di servizi ai cittadini.

Ci impegneremo affinché:
• l’acqua rimanga un bene pubblico con la qualità garantita ai massimi livelli, siano salvaguardate le sorgenti e mantenuta efficiente l’intera rete distributiva
• la rete di illuminazione pubblica sia continuamente rinnovata per migliorarne l’efficienza e ridurre il costo dell’energia elettrica
• gli spazi a parcheggio pubblico siano aumentati in centro per residenti e turisti
• la manutenzione del patrimonio comunale sia fatta con cura e sollecitudine ad opera del cantiere comunale anche con l’ausilio delle squadre per i lavori socialmente utili.

La viabilità del centro va riconsiderata alla luce della realizzazione presso la stazione ferroviaria del polo della mobilità a cura della Provincia. Ci impegnamo a modificare, per questioni di sicurezza, il percorso dell’autobus nel centro.

PROPOSTE

>
Revisione del piano di recupero degli edifici nel Centro Storico incentivando la ristrutturazione delle numerose unità immobiliari in stato di abbandono anche con possibilità della loro demolizione e ricostruzione con tecniche moderne

>
Completamento dei lavori pubblici in corso e di quelli già finanziati, come la riqualificazione delle spiagge, il nuovo parco al Lago, il completamento dell’acquedotto comunale, il marciapiede in Via Spiazzi, il giardino dell’Asilo Nido

>
Manutenzione del patrimonio stradale con prosecuzione del programma di asfaltatura strade e rifacimento di alcuni tratti problematici

>
Studio di un nuovo piano della viabilità e mobilità del centro con spostamento del percorso dell’autobus dal Centro storico

>
Ristrutturazione dei locali al piano interrato dell’immobile Poliambulatori di Via Roma

>
Monitoraggio con sistemi di videocontrollo e sistemazione dei punti di raccolta dei rifiuti

>
Sistemazione ed utilizzo del locale comunale nella galleria c/o il Villacenter

>
Realizzazione di nuove opere per la regimazione delle acque bianche in Loc. Valle

4. SVILUPPO, ECONOMIA, PROGETTI STRATEGICI PER LA CRESCITA

IDEE GUIDA

Da tempo sosteniamo con forza che lo sviluppo di un territorio non consiste soltanto nell’aumento del numero degli abitanti, ma si basa piuttosto sulla valorizzazione e promozione delle specificità locali. Vediamo tutti i giorni gli effetti della difficile congiuntura economica che stiamo vivendo ed è necessario prestare attenzione alle esigenze delle varie attività commerciali, turistiche, artigianali ed agricole esistenti, sostenendole e mantenendo sempre un dialogo aperto ed una collaborazione trasparente. Abbiamo la certezza che il territorio è un elemento unitario che va tutelato, promosso e sviluppato nel suo complesso da parte di tutti gli attori che vi operano. Il successo si determina se tutte le sue caratteristiche sono valorizzate nella loro pienezza. E’ altrettanto chiaro che le politiche territoriali vanno sviluppate oltre che a livello locale, anche e soprattutto, a livello sovraccomunale, di Comunità di Valle e di Provincia poiché il nostro paese è inserito in un contesto molto più ampio.

Commercio, turismo, agricoltura, eventi culturali, gastronomici e sportivi, tutto contribuisce alla promozione del territorio con positive ricadute per ogni comparto. L’Amministrazione comunale deve esercitare un ruolo di guida e sostegno, nella consapevolezza che occorre puntare sulle eccellenze e specificità di cui il nostro paese è ricco: il nostro territorio come luogo di salute e benessere, il turismo tematico, la vacanza su misura per le famiglie, il luogo ideale per i ciclisti, i segni della storia come la Torre dei Sicconi, la Kaiserjagerstrasse, ecc. Crediamo che tutti abbiano capito che gli eventi importanti e le offerte di qualità hanno la capacità di attirare migliaia di persone, con un impatto economico elevato ed una ricaduta positiva sull’intera nostra economia e costituiscono un veicolo formidabile di promozione e conoscenza del nostro territorio. E’ quindi necessario costituire un organismo, la Pro Loco, che gestisca e coordini tutta l’attività promozionale del nostro paese e funga da raccordo con le Istituzioni, le Associazioni e tutti gli operatori. Il ruolo dell’APT Valsugana deve essere più incisivo anche in considerazione degli specifici progetti di riqualificazione del Lago.

Il comparto agricolo, che ha raggiunto livelli di eccellenza nel fondovalle, deve finalizzare ulteriori sforzi nella direzione di un uso accorto e sostenibile del territorio, anche con l’appoggio dell’Amministrazione comunale che spinge verso un’agricoltura sempre più rispettosa del territorio ed attenta alla salubrità. E’ necessario incentivare e rafforzare il rapporto tra il settore agricolo e la comunità, poiché la gestione del territorio, sia in chiave agricola che turistico-ricettiva, è un pilastro essenziale per la valorizzazione dell’economia locale.
Discorso a parte merita il recupero della collina di Brenta, che potrebbe diventare un motore di sviluppo verso colture vitivinicole di pregio con un utilizzo anche in chiave turistico-paesaggistica di tutto il versante verso il Lago di Caldonazzo. I finanziamenti per questo progetto sarebbero richiesti sul Piano di Sviluppo Rurale.

Il settore artigianale e commerciale va sostenuto in primis da tutti i cittadini consumatori, i quali devono capire l’importanza di avere in loco imprese con elevate competenze e punti di vendita di primissimo ordine che offrono prodotti e servizi di qualità eccellente e numerosi posti di lavoro a persone locali. La logica che deve prevalere non è quella del prezzo più basso poiché a rimanere sul mercato sarebbero solamente i grandi gruppi ed il rischio è la scomparsa delle piccole realtà. L’Amministrazione comunale si farà carico di promuovere il sostegno delle attività economiche presenti sul nostro territorio anche con l’affidamento diretto dei lavori e degli acquisti pubblici.

Per quanto riguarda la promozione di nuove iniziative economiche da parte dell’Amministrazione comunale proponiamo la trasformazione di una parte dell’area del Bosco dell’Impero in Località Lochere, sopra l’Albergo Alla Vedova, trasformandolo in area per attività turistico-ricettive, ove può trovare spazio la presenza di un attività privata del comparto.
L’attività economica potrebbe ricevere un ulteriore sviluppo dalla sistemazione dell’area relativa alla parte alta del torrente Centa (dalla Pineta fino al confine con il Comune di Centa) con il proseguimento del parco tematico e dall’apertura del collegamento con Lavarone attraverso la strada della Stanga, in gran parte percorribile, che dovrebbe essere sistemata in Località Giaron. Il collegamento pedonale-ciclabile tra il Lago e l’Altipiano, in un ambiente suggestivo, porterebbe così ad un ulteriore motore di sviluppo di quell’area.


PROPOSTE

> Collina di Brenta. Messa in campo di una serie di iniziative per spingere il recupero colturale della collina e ricerca di finanziamenti per la sistemazione viaria del pendio.

>
Lochere. Trasformazione di parte del Bosco dell’Impero in area turistico-ricettiva per consentire l’insediamento di nuova attività privata

>
Pineta. Piano per il recupero dell’area dalla Pineta fino al confine con il Comune di Centa per ampliamento del parco tematico del Centa e per il collegamento con Lavarone

>
Costituzione della Pro Loco di Caldonazzo che gestisca e coordini tutta l’attività promozionale del nostro paese e sia il raccordo con le Istituzioni, le associazioni e tutti gli operatori economici

>
Qualificazione del nostro Comune con il marchio Family, mantenimento della Bandiera Blu per il lago di Caldonazzo e della certificazione ambientale EMAS

5. GESTIONI ASSOCIATE

IDEE GUIDA
Una delle sfide più importanti dei prossimi cinque anni sarà la condivisione di risorse e servizi ai cittadini con le Amministrazioni dei Comuni limitrofi. Da noi questo tema è stato finora ignorato o scarsamente considerato. I tentativi che abbiamo fatto con le Amministrazioni vicine per allacciare rapporti e condividere progetti ed obbiettivi hanno portato, in alcuni casi, a risultati eccellenti come per l’Asilo Nido, in altri, ad una chiusura totale, come per la condivisione del Servizio Tributi.
Siamo ancora molto lontani da processi di fusione di Comuni come quelli già avviati in altri territori, vedi Vigolana.
Noi crediamo che la collaborazione con i Comuni vicini, in particolare Calceranica al Lago e Tenna, sia assolutamente necessaria per la gestione di un territorio comune, confinante e sul quale si erogano servizi comuni. Ci impegneremo affinché i cittadini possano contare su una serie di servizi pubblici più efficienti erogati dalle Amministrazioni locali in maniera funzionale, automatizzata e moderna. Per fare questo è necessario poter contare sul coinvolgimento e la professionalità del personale comunale, la razionalizzazione anche logistica dei servizi e delle strutture, l’impegno e la volontà di collaborazione degli amministratori.
E’ un percorso nuovo, difficile, tanti sono i retaggi del passato e le antiche ruggini, che però è tempo di superare guardando al futuro in un’ottica di miglioramento, risparmio ed efficienza.

PROPOSTE

>
Sollecitare le Comunità di Calceranica e Tenna per una scelta da fare entro il 31.12.2015 di gestione associata dei servizi comunali con Caldonazzo

>
Lavorare assieme per maggiore unità ed efficienza sempre con l’obbiettivo di offrire servizi migliori a costi inferiori

RIDUZIONE DELL’INDENNITÀ AGLI AMMINISTRATORI

Ci impegniamo a riconfermare la riduzione volontaria - nella misura del 20%- delle indennità del Sindaco e degli Assessori, che già in questi cinque anni abbiamo applicato.
La somma così risparmiata, pari a circa Euro 18.000/anno per un totale di 90.000 Euro nel corso dei 5 anni, sarà utilizzata, come in passato, per sostenere le associazioni che operano sul territorio comunale. E’ un segno concreto del nostro modo di intendere il lavoro di Amministratori al servizio della Comunità ed insieme un gesto simbolico a sostegno di tutti coloro che volontariamente e senza ricevere alcun compenso si prodigano ogni giorno nel volontariato.