Giorgio Schmidt Sindaco

Impazza il Carnevale Panizaro 2015

  
 
  

Il Comune aderisce alla campagna “M’illumino di meno”

La Giunta Comunale di Caldonazzo ha deliberato di aderire alla campagna “M’illumino di meno” proposta per il giorno venerdì 13 febbraio 2015 dalla trasmissione radiofonica “Caterpillar – Radio 2” con le seguenti iniziative:
- lo spegnimento simbolico, per tutta la durata della trasmissione radiofonica
“Caterpillar- Radio 2” del 13 febbraio 2015 prevista dalle ore 18.00 alle ore 20.00,
dell’illuminazione pubblica del parco centrale;
- la sensibilizzazione della cittadinanza mediante la pubblicizzazione dell’iniziativa con:
a) affissione agli albi comunali di apposite locandine informative;
b) pubblicazione sul sito del comune;
c) trasmissione locandine alla Scuole Elementare ;
d) sensibilizzazione degli esercizi pubblici e commerciali mediante lettera
d’invito ad aderire all’iniziativa;
il tutto al fine di stimolare un ulteriore coinvolgimento della popolazione tramite iniziative
elaborate dalle singole sensibilità e con concentrazione delle attività stabilite fra le ore
18.00 e le ore 20.00 di venerdì 13 febbraio 2015;

Consiglio Comunale per i piccoli delle Elementari

Martedì 3 febbraio 2015 si è svolto a Caldonazzo nell’aula consigliare il Consiglio Comunale con i ragazzi delle classi 5 A e B della Scuola Primaria di Caldonazzo. Ordine del giorno: Il bosco ed il rispetto per l’ambiente.
L’incontro, nell’ambito del progetto UNICEF “ I Sindaci difensori ideali dei bambini” in ottemperanza del quale il Consiglio Comunale di Caldonazzo dal lontano 1992 si è impegnato a convocare almeno una volta all’anno Il Consiglio per la trattazione dei problemi dell’infanzia e di carattere generale con la partecipazione di una rappresentanza dei ragazzi del plesso scolastico locale.

 
Leggi il resto...

Caldonazzo, paese “cardioprotetto”

Installato il primo defibrillatore pubblico,accessibile in qualunque momento.
Un dispositivo semplice e innovativo in grado di monitorare e supportare il soccorritore anche nell’esecuzione delle manovre di Rianimazione Cardio Polmonare, valutando l’efficacia del massaggio.
Per il soccorritore non c’è nessuna responsabilità nell’utilizzo di questo apparecchio, è il defibrillatore fa la diagnosi autonomamente e non bisogna essere medici o infermieri per poterla utilizzare.
Può essere utilizzata in qualunque situazione non c’è nessun rischio di folgorazione da parte dell’operatore.
Uno strumento che vuole essere un punto di partenza perché nei prossimi mesi, con la collaborazione di medici e volontari, si terranno delle serate con lo scopo di sensibilizzare,migliorare la conoscenza e la formazione dei cittadini alla rianimazione  cardiopolmonare, al  tema della defibrillazione precoce.
Tutte le statistiche dimostrano che la rianimazione cardiopolmonare eseguita solo con massaggio cardiaco e ventilazione bocca a bocca porta ad un successo del 1%; con questo semplice strumento si ottengono statistiche di successo che variano fra il 25 e 74 %, il fattore tempo in tutti i casi è fondamentale e ogni minuto trascorso senza intervento le probabilità di successo si riducono del 10%.
L'amministrazione comunale di Caldonazzo ha in programma l'acquisto di ulteriori due unità da installare al Palazzetto e presso il Centro sportivo alla Pineta.
Per l’utilizzo, si consiglia la visione del video "Come utilizzare un defibrillatore, lo spiega il Dott. Cecchini" su YouTube: 
http://youtu.be/ly2zGSJswSA

 

Commemorazione dei Caduti di tutte le Guerre

Domenica 9 novembre, vi è stata una Commemorazione dei Caduti di tutte le Guerre davvero molto particolare. Per la prima volta, insieme, si sono visti sfilare a Caldonazzo gli Alpini e gli Schützen. Di seguito il discorso del Sindaco, Giorgio Schmidt:

  

Carissimi,
anche quest’anno con grande solennità ci ritroviamo a commemorare questa giornata dedicata ai caduti di tutte le guerre. Ricordare i caduti di ogni guerra, indipendentemente dalla divisa che essi portavano è il gesto più grande che possiamo compiere per fare in modo che il loro sacrificio non sia stato vano.

La giornata di oggi, nella ricorrenza del Centenario della Grande Guerra, è anche un’occasione importante per mandare un messaggio forte, un segno di fratellanza fra i popoli, un gesto di pace ed altruismo. Per questo vi ringrazio tutti di cuore, in particolare gli Alpini e gli Schutzen; la vostra presenza qui oggi insieme è un insegnamento molto importante per tutta la Comunità di Caldonazzo, un segno concreto e tangibile di amicizia, collaborazione e tolleranza; il modo migliore per onorare i nostri caduti e per dare l’esempio alle giovani generazioni. 
Leggi il resto...

Inaugurato il nuovo Asilo Nido a Caldonazzo

Sabato 18 ottobre, alla presenza delle autorità provinciali e dei Sindaci del circondario, è stato inaugurato il nuovo Asilo Nido di Caldonazzo.
Di seguito il discorso pronunciato dal Sindaco, Giorgio Schmidt:


  

Ringrazio tutti voi di essere intervenuti così numerosi a questa giornata di festa che rappresenta un momento importante per Caldonazzo e le comunità vicine.
Un saluto cordialissimo a tutte le autorita politico istituzionali presenti, al nostro Parroco don Silvio, alle autorità militari e di pubblica sicurezza. Ringrazio della loro presenza tra gli altri
- L’ assessore provinciale Mauro Gilmozzi
- I consiglieri provinciali Giampiero Passamani, Walter Kaswalder e Luca Zeni
- I Sindaci di Levico Michele Sartori, di Calceranica Sergio Martinelli e di Tenna Antonio Valentini
- I consiglieri comunali di Caldonazzo
- La giunta comunale
- I vigili Urbani

  

E soprattutto voi mamme, papà e cittadini che con la vostra presenza rendete questo momento importante e denso di significato.
Quando ci siamo candidati ad amministrare il nostro paese abbiamo stilato il nostro programma e una cosa su tutte abbiamo deciso di mettere al centro del nostro progetto amministrativo: le persone.
Leggi il resto...

Premiate a Caldonazzo le Botteghe Storiche del paese

Domenica 13 ottobre, sono state premiate a Caldonazzo le Botteghe Storiche del paese. Di seguito il discorso del Sindaco, Giorgio Schmidt:

  

Un cordiale e sincero saluto a tutti i presenti
L’Amministrazione comunale attraverso l’assessore al commercio Claudio Battisti e l’ufficio commercio del Comune ha promosso l’iniziativa del conferimento della qualifica di BOTTEGA STORICA ai primi 4 esercizi pubblici di Caldonazzo, che trova il suo sostegno giuridico nella legge provinciale 17/2010 "Disciplina dell'attività commerciale".
Sono considerate botteghe storiche gli esercizi di commercio al dettaglio con sede fissa ed i pubblici esercizi di somministrazione di alimenti e bevande e le imprese artigiane, che presentano i seguenti requisiti:
A) svolgono la propria attività da almeno cinquant’anni negli stessi locali e nello stesso settore merceologico, a condizione che siano state mantenute alcune caratteristiche originarie dell’attività;
B) presenza nei locali, negli arredi, sia interni che esterni, di elementi, strumenti, attrezzature e documenti di particolare interesse storico, artistico, architettonico, ambientale e culturale, o particolarmente significativi per la tradizione e la cultura del luogo, visibili al pubblico,
Alcuni dati: gli esercizi che si fregiamo di questo importante riconoscimento di bottega storica in tutto il Trentino sono circa 600 e sono dislocati in 53 comuni.
Leggi il resto...

Il "Mario" tra i migliori venticinque camping d’Italia

Il Camping Mario di Caldonazzo si è visto consegnare un riconoscimento, in questi giorni, da parte del sito web specializzato Zoover, che lo ha annoverato tra i migliori venticinque camping d’Italia.
Il Sindaco si è subito congratulato, anche a nome della cittadinanza inviando la seguente lettera:

Alla cortese att.ne Sigg. Chiesa Maurizio ed Emanuele,
ho appreso dell'ambito riconoscimento attribuito alla vostra struttura dal sito ZOOVER.
Nel congratularmi per il traguardo raggiunto, segno di qualità e competenza nella gestione,
ringrazio perchè attraverso l'attività di promozione del vostro camping contribuite a diffondere un'immagine positiva dell'intero nostro territorio e delle nostre Comunità che va a beneficio di tutti.
Cordiali saluti
Giorgio Dott. Schmidt
Sindaco

 

Campo sportivo intitolato a Giorgio Stenghel

Domenica 8 giugno il campo sportivo di Caldonazzo è stato intitolato a Giorgio Stenghel. Di seguito il discorso pronunciato dal Sindaco, Giorgio Schmidt.
Porto il caloroso saluto dell’Amministrazione comunale e mio personale a tutti i presenti.
Un saluto particolare ai Dirigenti dell’Audace e a tutti voi mamme e papà e bambini che con la vostra presenza rendete gioioso e denso di significato questo momento dell’intitolazione ufficiale di questo impianto sportivo.
Dare il nome ad un sito non significa solamente dare un’identità ad un luogo, ma indica la volontà di attribuire importanza, valore e significato a questo posto, significa cioè ricordare il suo passato per costruire insieme un progetto che guarda al futuro e che ci coinvolge tutti.
Con queste intenzioni il Consiglio Comunale all’unanimità, nella seduta del 5 giugno 2013, accogliendo la proposta della speciale Commissione, ha deciso di intitolare l’Impianto Sportivo di Caldonazzo, a Giorgio Stenghel, nato nel 1946 e scomparso nel 1998 a soli 52 anni.
Giorgio Stenghel fù giocatore, dirigente, Presidente della società AUDACE; ma prima di tutto fù un sostenitore entusiasta dello sport. Uno in particolare: Il calcio, sua grande passione, che considerava come lo strumento per un impegno personale e in favore degli altri, con una passione ed un entusiasmo durato tutta la vita. Una vita in salita la sua, ma ricca di generosità ed altruismo.

Leggi il resto...

Una bandiera blu per il Lago di Caldonazzo

Martedì 13 maggio 2014 i Sindaci dei Comuni di Pergine, Caldonazzo, Calceranica, Tenna e Levico accompagnati da un'altro rappresentante dell'Amministrazione comunale, per Caldonazzo c'era  Claudio Turri, si sono recati a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Palazzo Chigi, per ricevere l'ambito riconoscimento della BANDIERA BLU.
Nel 2014 sono state 140 le località italiane e 269 le spiagge premiate con la Bandiera Blu, il riconoscimento assegnato dalla FEE (Foundation for Environmental Education) Fondazione per l'Educazione all'Ambiente con sede in Danimarca, ai comuni rispettosi di determinati criteri di qualità quali la qualità delle acque, dei servizi offerti, della sicurezza dei bagnanti, la raccolta rifiuti differenziata e di gestione ambientale. La documentazione è stata curata dalla Dott.ssa Anna Martinelli di Calceranica.
 
Il 2014 vede 15 nuovi ingressi e 10 bocciature. La Liguria conferma ancora il primato con 20 località premiate, seguita dalla Toscana (18) che sorpassa le Marche (17). L'Abruzzo perde quattro spiagge.
In Trentino Alto Adige sono 5 i Comuni a fregiarsi della Bandierà Blù, i 5 Comuni valsuganotti appunto. Non è poco a confronto con altre Regioni con ben altre tradizioni marinare come la Calabria  che registra appena 4 Comuni o la Sicilia con 6 comuni.
Grande soddisfazione ed orgoglio espresso da tutti i Sindaci che hanno sottolineato che con tale riconoscimento, viene premiato lo sforzo comune che da anni le Amministrazioni rivierasche portano avanti per un miglioramento nella gestione dell'ambiente e delle acque dei Laghi di Caldonazzo e Levico. Lavoro iniziato decenni or sono con il completamento della fognatura circumlacuale, proseguito con il programma Spiaggie Sicure e con il miglioramento delle spiaggie pubbliche ed ambiente circostante e concretizzato con la recente pista ciclopedonabile . Il tutto in chiave di una migliore fruizione pubblica del Lago da parte di residenti e turisti.
Ad accogliere la Delegazione trentina c'erano i nostri rappresentanti nelle Istituzioni romane: il Deputato Lorenzo Dellai ed il senatore Franco Panizza.

Grande successo per lo Stage di Judo Olimpico

L'edizione di quest'anno ha visto la partecipazione di oltre 200 atleti, molti dei quali provenienti da fuori regione
Si è appena conclusa la prima edizione dello stage judoistico di Pasqua organizzato dall'ASD Judo Caldonazzo in collaborazione con il comitato provinciale trentino della FIJLKAM, Federazione Italiana di Judo Lotta e Karate.
Lo stage si è tenuto presso il locale palazzetto dello sport di Caldonazzo ed è stato diretto dal Maestro Federale 6° Dan Paolo Natale, collaboratore tecnico delle squadre nazionali e coordinatore degli allenamenti interforze tra atleti civili e i Gruppi Sportivi Militari, coadiuvato dallo staff tecnico del gruppo «AtletiInRete».


Bello il colpo d'occhio offerto dal palasport caldonazzese pieno di judoisti in azione, ad evidenziare il grande il successo sia tecnico che numerico dell'edizione di quest'anno che ha visto la partecipazione di oltre 200 atleti, molti dei quali provenienti da fuori regione.
Infatti alle nove società sportive trentine presenti si sono affiancate oltre ventidue società sportive provenienti da tutto il centro nord, con una folta rappresentanza di atleti provenienti anche dalla Svizzera.
Leggi il resto...

Caldonazzo al 4° posto per gettito del 5xMILLE

Sono usciti sul sito dell'Agenzia delle Entrate i dati sulla raccolta del 5 x mille relativa ai redditi 2012.
Come è noto i cittadini possono destinare la quota del 5 x mille del loro reddito a favore di vari enti ed associazioni od anche in favore del loro Comune di residenza.
L'amministrazione comunale di Caldonazzo da alcuni anni sollecita i cittadini a destinare il 5 x mille a favore del loro Comune anche attraverso una campagna di avvisi come quello che ti allego relativo al 2014.
La firma nella dichiarazione dei redditi non costa nulla ma contribuisce a finanziare il Comune in questo periodo di difficoltà finanziarie
L’operazione stà dando i primi risultati; Caldonazzo si piazza infatti al 4 posto - dopo Trento, Rovereto e Pergine - tra i comuni Trentini per somme ricevute con il 5 x mille relativo ai redditi 2012, ben 3.494 €.
Euro 3.494 sono una bella somma se consideriamo che  Pergine ha raccolto Euro 4.148 e Riva del Garda  Euro 2.909 e molti altri Comuni trentini ben più numerosi e ricchi del nostro.sono rimasti ben lontani.
Siamo molto contenti del risultato e con i proventi del 5 x mille quest'anno abbiamo acquistato un nuovo gioco da posizionare nel giardino della scuola materna.
Leggi il resto...

Nuovo asilo nido: i lavori proseguono spediti

Ecco alcune foto del cantiere per la realizzazione del nuovo asilo Nido a Caldonazzo.
Come si vede dalle foto i lavori proseguono speditamente e sono in fase di finitura gli impianti elettrici, idraulici ed i servizi.
Sono stati avviati i bandi di gara per la fornitura degli arredi e della cucina.

Ora l'Amministrazione comunale è impegnata nella predisposizione di alcuni documenti necessari per l'avvio dell'attività.
Tra questi: Il Regolamento di Gestione, la Convezione con gli altri Comuni limitrofi per l'utilizzo consorziato, il Regolamento per la fissazione delle Tariffe per gli Utenti, ed infine la predisposizione del bando di gara per l'affidamento del servizio ad una cooperativa.
Nel frattempo è necessario acquisire le certificazioni dei Servizi competenti per l'utilizzo dei locali: Certificato di agibilità, Certificato di Prevenzione Incendi ecc.

  
  
Leggi il resto...

Servizio acquedotto: risparmi sulla bolletta

Verbale di deliberazione N. 35 della Giunta comunale
OGGETTO: Determinazione delle tariffe del servizio acquedotto secondo il modello tariffario approvato con deliberazioni della Giunta Provinciale n. 2516 del 28.11.2005 e n. 2437 del 9.11.2007, con validità per l'anno 2014.

LA GIUNTA COMUNALE
Richiamate le deliberazioni della Giunta Provinciale n. 110 del 15.1.1999, n. 7452 del 26.11.1999 e n. 3413 del 22.12.2000, con cui è stato definito il modello tariffario omogeneo da applicare al servizio pubblico di acquedotto, in attuazione dell’art. 9 della L.P. 15.11.1993, n. 36 e s.m.;
Vista la deliberazione della Giunta Provinciale n. 2516 del 28.11.2005 con cui sono state introdotte rilevanti modifiche al modello tariffario, applicate a partire dall’anno 2007;
Vista la deliberazione della Giunta Provinciale n. 2437 del 9.11.2007 con cui è stato approvato il Testo Unico del modello tariffario, concernente la summa delle disposizioni in materia (delibere della Giunta Provinciale) susseguitesi nel tempo e contenente alcune modifiche e integrazioni rispetto alla struttura tariffaria in vigore nel 2007;
Preso atto della comunicazione di data 9 dicembre 2013, protocollo n. D318/2013-672356, inviata dalla Provincia Autonoma di Trento all’Autorità per l’Energia Elettrica, il Gas ed il Servizio Idrico e alla Cassa Conguaglio per il Settore Elettrico, nella quale viene rimarcata la competenza della Provincia Autonoma di Trento nella determinazione dei criteri di definizione della tariffa relativa ai servizi idrici, secondo quanto stabilito nell’articolo 4 del D.P.C.M. 20 luglio 2012;
Viste le circolari n. 1/99 del 18.1.1999 e n. 18/99 del 25.10.1999 del Servizio Finanza Locale della P.A.T. e le circolari n. 7 del 13.4.2006 e n. 13 del 15.11.2007 del
Servizio Autonomie Locali della P.A.T.;
Atteso che il modello tariffario scaturente dalle deliberazioni della Giunta Provinciale n. 2516/2005 e n. 2437/2007, prevede sostanzialmente:
- la distinzione dei costi in costi fissi (costi comunque presenti indipendentemente dalla quantità di acqua consumata dalle utenze) ed in costi variabili (connessi a tale quantità);
Leggi il resto...

Valentina Saltarel, 2a ai campionati italiani

 

Al Palafijlkam al Lido di Ostia – Roma il 23 febbraio 2014 in occasione del Campionato Italiano Cadetti l’atleta del A.S.D. Judo Caldonazzo, con Valentina Saltarel, ha conquistato il secondo posto nella categoria fino a 70 kg, con 46 atlete in lista da tutta Italia, sei incontri di cui vinti con Fedato Martina (Veneto), Terrosi Giada (Toscana),Tempini Carlotta (Piemonte), Bigliardi Nichole (Liguria), Iacob Luiza ((Emilia Romagna) e la finale persa con Luri Meret Soraya (Friuli ) , così diventando cintura nera 1° Dan. Un’ atleta di grande potenzialità dopo il titolo italiano nel 2012, ora sempre sul podio , questo splendido risultato conseguito le permette di entrare nella lista degli atleti Cadetti di interesse Nazionale.

 

Valentina parteciperà al Torneo Top Level di Zagabria (CRO) (European Cup U18) che si svolgerà il 8 e 9 marzo su invito della nazionale in previsione di future convocazioni per Tornei all’estero con la Nazionale Cadetti. Grande soddisfazione per il tecnico Greta Casagrande 4° Dan di Judo che ricorda anche il risultato di Pedrotti Irene 5° al Campionato Italiano U15 nel 2013.

I palloncini di S. Lucia a... Salisburgo

Ritrovati a 30 km da Salisburgo, in Austria, il giorno 13 dicembre a mezzogiorno i palloncini partiti da Caldonazzo la sera di Santa Lucia
Ha telefonare è stata la Famiglia Christa e Alois David residenti nel paese di Tarsdorf, vicino a Salisburgo, avvisando del ritrovamento.
 

Intitolazione della Scuola Elementare

Venerdì 20 dicembre alle 11 si è tenuta la Cerimonia di Intitolazione della Scuola Primaria a “Clemente Chiesa”.
Di seguito il discorso pronunciato per l’occasione dal Sindaco, Giorgio Schmidt:

 

Buon giorno a tutti,
Porto il caloroso saluto dell’Amministrazione comunale e mio personale a tutti i presenti.
Un saluto particolare alle Autorità presenti e a tutti voi mamme e papà e bambini che con la vostra presenza rendete gioioso e denso di significato questo momento dell’intitolazione ufficiale della scuola.
Dare il nome ad una scuola non significa solamente dare un’identità ad un luogo, ma indica la volontà di dare importanza, valore e significato a questo sito, significa in sostanza volerli bene, tutelarlo e fare un progetto che guarda al futuro e ci coinvolge tutti.

  Leggi il resto...

Intitolazione della Scuola per l'Infanzia

Giovedì 19 dicembre alle 13.45 si è tenuta la Cerimonia di Intitolazione della Scuola per l'infanzia "Maria Bambina”.
Di seguito, il discorso tenuto dal Sindaco Giorgio Schmidt:

 

Buon giorno a tutti,
Porto il caloroso saluto dell’Amministrazione comunale e mio personale a tutti i presenti.
Un saluto particolare alle Autorità civili, religiose e a tutti voi mamme e papà e bambini che con la vostra presenza rendete gioioso e denso di significato questo momento.
Quest’anno abbiamo festeggiato insieme il prestigioso traguardo dei 120 anni di attività ed ora ci accingiamo all’intitolazione ufficiale della scuola.
Dare il nome ad una scuola materna non significa solamente dare un’identità ad un luogo, ma indica la volontà di dare importanza, valore e significato a questa sede, significa in sostanza volerli bene, tutelarlo e fare un progetto che guarda al futuro.
Con queste intenzioni il Consiglio Comunale, nella seduta del 5 giugno scorso, accogliendo la proposta del Direttivo, ha deciso di intitolare la Scuola materna di Caldonazzo, a Maria Bambina, in ricordo delle Suore di Maria Bambina che per più 70 anni hanno gestito l’Asilo ed hanno formato intere generazioni di bambini. Esse arrivarono a Caldonazzo il 03 settembre 1906 e gestirono l’Asilo fino al 08 settembre 1977, svolgendo un ruolo importantissimo e essenziale nella creazione di quel capitale umano tanto importante per la vita sociale della nostra Comunità.
Leggi il resto...

Dimensionamento residenziale: i prossimi dieci anni a Caldonazzo

Allegato alla variante del Piano Regolatore Generale, recentemente approvata dal Commissario Ing. Mariano Tomasini, c'è un interessante documento dal titolo: DIMENSIONAMENTO RESIDENZIALE che quì riportiamo integralmente.
Tale documento partendo dai dati storici riguardanti i movimenti della popolazione residente e gli insediamenti abitativi, traccia una previsione per il prossimo decennio e dice chiaramente quali sono le priorità per Caldonazzo ed i suoi abitanti.

All'interno della documentazione, 27 pagine in tutto, si trovano le linee guida e la filosofia di questa variante al PRG ; vengono ribaditi i concetti che ha sempre sostenuto questa Amministrazione: crescita limitata, armonica, in linea con i servizi a disposizione dei cittadini, attenzione al patrimonio edilizio esistente, limitazione di nuove costruzioni.

Vale la pena di leggerlo.
Giorgio Schmidt 

Scarica
qui

La prima messa di Frà Michele Passamani

Grande festa in paese, domenica 20 ottobre 2013, per l'ordinazione sacerdotale e la prima messa a Caldonazzo di Frà Michele Passamani, alla presenza del Vescovo, Mons. Luigi Bressan.
Questo il discorso pronunciato per l’occasione del Sindaco, Giorgio Schmidt.


Caro Frà Michele,
il più cordiale benvenuto a nome di tutta la Comunità di Caldonazzo che mi onoro di rappresentare.
Ieri nella nostra Chiesa ti sei consacrato al Signore con i voti di castità, povertà e obbedienza, in forma solenne e perpetua ed ora sei frate francescano per sempre. Dopo la solennità di ieri, oggi la Comunità è in festa e ti accoglie per celebrare la prima messa.

 
E’ la seconda volta in pochi mesi che questo accade a Caldonazzo ed è un evento straordinario del quale siamo quanto mai orgogliosi ed onorati. E’ molto raro infatti ai nostri giorni che nella stessa Comunità si trovino ben due giovani che decidono, con coraggio ed audacia, di consacrare la loro vita a Cristo ed al servizio nella Chiesa.
La tua scelta di seguire il Santo Francesco è ancora più forte e radicale, ci fà riflettere e ci incoraggia. E’ dunque ancora possibile in questo mondo globalizzato, condizionato dalla scienza e dalla tecnologia, dominato dal Dio denaro, un impegno "senza riserve" per la vita?; non è fuori moda scegliere di spendersi totalmente per il Signore e il suo Vangelo?; vale ancora la pena seguire un ideale radicale e meraviglioso come quello francescano?

 
Sono domande alle quale tu, Frà Michele, hai già risposto si, scegliendo di dedicare la tua vita in favore del Prossimo, alla ricerca della pace, abbracciando il valore dell’umiltà, dando a tutti una grande lezione di semplicità ed essenzialità.
Caro frà Michele, io so che sei una persona riservata e che non ama tutto il clamore di questi giorni; in questo assomigli al Santo Francesco che prediligeva una tonaca confezionata con un tessuto semplice, dei sandali e una corda al posto della cintura.
Leggi il resto...

Videosorveglianza principali siti comunali

PARTE IL PROGETTO DI VIDEOSORVEGLIANZA
DEI PRINCIPALI SITI PUBBLICI DI CALDONAZZO

Con l’approvazione da parte del Consiglio comunale del Regolamento per l’utilizzo degli impianti di videosorveglianza nel Comune di Caldonazzo, ha inizio il progetto che intende installare vari impianti di videosorveglianza in zone strategiche dell’abitato al fine di assicurare maggiore sicurezza e proteggere  gli spazi ed aree di proprietà comunale da atti di vandalismo e danneggiamento.


Le telecamere verranno installate inizialmente in piazza Municipio, nell’area esterna del Cimitero, alla Casa della Cultura, Al parco centrale nell’area del parcheggio.

In tema di sorveglianza da segnalare che AMNU ha in programma di installare fotocamere portatili presso i punti di raccolta per monitorare i conferimenti di rifiuti.

Questa la delibera del consiglio comunale:

IL CONSIGLIO COMUNALE

 
Premesso che:

    Leggi il resto...

    Riorganizzazione stazione ferroviaria

    IL CONSIGLIO COMUNALE ha dato il VIA al
    PROGETTO DI RIORGANIZZAZIONE DELLA STAZIONE FERROVIARIA

    Questo il testo del provvedimento:
     
    Vista la richiesta prot. n. 13/0001308 di data 18.07.2013 da Rete Ferroviaria Italiana – Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane acquisita al prot. n. 4110 in data 22.07.2013, con la quale si trasmette il progetto definitivo dell’opera “realizzazione PRG Stazione di Caldonazzo”, progetto di riorganizzazione della Stazione Ferroviaria di Caldonazzo, per la verifica di conformità urbanistica di cui all’art. 5 della L.P. 08.09.1997, n. 13;
    atteso che lo stesso è stato esaminato dalla Commissione Edilizia Comunale in data 18.07.2013, la  quale ha espresso parere negativo, in quanto il  parcheggio previsto risulta in zona agricola di tutela produttiva e pertanto in contrasto con l’art. 59 delle norme di attuazione del P.R.G.;

    COM’È
     

    COME SARÀ
     
    atteso  che, come precisato all’art. 5 della citata normativa provinciale ed indicato nella  comunicazione sopraindicata, nel caso di accertamento negativo, il Consiglio Comunale ha la facoltà di esprimersi sul progetto con apposita deliberazione delegando il proprio rappresentante ad esprimersi in sede di Conferenza dei Servizi il cui pronunciamento favorevole costituisce variante al P.R.G.;

    Leggi il resto...

    Una serata sul testamento biologico

     

    Si è tenuto martedì 10 settembre presso la Casa della Cultura l’incontro con BEPPINO ENGLARO per parlare del Registro Provinciale per il Testamento Biologico. Alla serata organizzata per conto dell’Amministrazione Comunale dall’assessore alla Cultura Elisabetta Wolf, erano presenti: Carlo Casonato, professore ordinario di diritto costituzionale comparato presso la facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Trento, Sara Ferrari, consigliera provinciale, proponente del Registro Provinciale per il Testamento Biologico, il Vice Presidente del Consiglio Provinciale Prof. Eccher, il consigliere provinciale Bruno Firmani, numerosi consiglieri comunali di Caldonazzo e della Giunta comunale, oltre un centinaio di cittadini interessati all’argomento.
    Moderatore della serata il giornalista Waimer Perinelli.
    Come ha sottolineato il
    Sindaco Giorgio Schmidt nel suo discorso conclusivo, l’argomento è particolarmente delicato poiché investe la sfera etica e morale della persona oltre a quella del diritto e pertanto ogni posizione sull’argomento deve essere rispettata.
    Il Sig. Englaro ha raccontato in maniera toccante la storia che l’ha visto protagonista, coinvolto nella battaglia per ottenere l’interruzione della nutrizione artificiale di sua figlia Eluana.
    Eluana Englaro, a seguito di un incidente stradale all’età di 21 anni, ha vissuto in stato vegetativo per 17 anni, fino alla morte naturale sopraggiunta a seguito dell'interruzione della nutrizione artificiale. La richiesta della famiglia di interrompere l'alimentazione forzata, considerata un inutile
    accanimento terapeutico, ha scatenato in Italia un notevole dibattito sui temi legati alle questioni di fine vita. Dopo lungo iter giudiziario, l'istanza è stata accolta dalla magistratura per mancanza di possibilità di recupero della coscienza, ed in base alla volontà della ragazza, ricostruita tramite testimonianze.
     
    Anche a Trento nasce una banca dati per le dichiarazioni dei pazienti. Dopo rinvii ed ostacoli, la Giunta provinciale ha dato mandato di creare, attraverso l'Azienda sanitaria, la banca dati delle dichiarazioni anticipate sui trattamenti sanitari in fine vita. La delibera dà mandato all'APSS di elaborare, sulla base delle raccomandazioni del Comitato etico, le modalità di raccolta e di registrazione in un'apposita banca dati delle dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario dei soggetti interessati, relative alla volontà di sottoporsi o non sottoporsi a trattamento sanitario, in caso di malattia o lesione cerebrale che cagioni una perdita di coscienza irreversibile.
    Qualora il paziente si trovasse in una situazione di incapacità palese di esprimere la propria volontà in ordine al fatto di essere sottoposto o meno a un trattamento medico, le dichiarazioni anticipate sono un elemento importante del processo complessivo di comunicazione nell'ambito del piano preventivo di assistenza sanitaria, in cui il diretto interessato dialoga con i familiari e fruisce di una consulenza medica professionale. Bisogna infatti considerare che le dichiarazioni anticipate di trattamento sanitario sono uno strumento per esprimere la propria volontà relativamente alla fase terminale della vita e permettono, anche quando le persone non sono più in grado di esprimere la propria volontà, di contribuire nel rispetto della propria autonomia, alle decisioni che riguardano i trattamenti sanitari che li riguardano.

    Intitolazione Sala a Eugenio Prati / Foto

     
    Il Sindaco Giorgio Schmidt con il curatore dell’opera di Eugenio Prati, Alberto Pattini.    
    Da sinistra, Cesare Ciola (Presidente Cooperativa Alta Valsugana), Claudio Battisti (Assessore), Marco Motter, Claudio Turri, Rinaldo Pola (Assessore), Giorgio Schmidt e Weimer Perinelli, Presidente del Centro d'Arte La Fonte

    Intitolazione Sala a Eugenio Prati

    Intitolazione al celebre pittore Eugenio Prati (1842-1907)
    della sala espositiva grande della Casa della Cultura di Caldonazzo
    Sabato 10 agosto ore 18.00 - Casa della cultura


    Sabato prossimo 10 agosto alle 18 a Caldonazzo il Sindaco Giorgio Schmidt intitolerà ufficialmente al celebre pittore Eugenio Prati la sala grande della Casa della Cultura di Caldonazzo in occasione della mostra “CAPOLAVORI ALLO SPECCHIO” Le copie di Tiziana Sembianti Jung dal 10 al 14 agosto ore 10-12 e 17- 20, organizzata dal presidente Weimer Perinelli del Centro La Fonte.

    Alla cerimonia oltre al Sindaco e alla Giunta comunale sarà presente il senatore Franco Panizza, che per cinque anni è stato Assessore provinciale alla cultura, e anche Alberto Pattini esperto studioso del pittore dell'Ottocento che ha curato numerose mostre dedicate al pittore caldonazzese (l'ultima al Mart di Trento presso il Palazzo delle Albere 2009-2010 “Eugenio Prati Tra scapigliatura e simbolismo” assieme a Gabriella Belli e Alessandra Tiddia) ed autore di diverse pubblicazioni.

     
    In tale occasione saranno esposti al pubblico due ritratti inediti e mai esposti al pubblico di Eugenio Prati riguardanti i genitori del pittore, che recentemente sono ritornati dal Brasile dopo 118 anni:

    Ritratto di Domenico Prati (1808-1867), 1895 circa, olio su tela, 40 x 30 cm.
    Ritratto di Lucia Garbari Prati (1819-1869), 1895 circa, olio su tela, 40 x 30 cm.

    Leggi il resto...

    60° anno di fondazione del SOS Kinderdorf

    Si sono svolti sabato 20 e domenica 21 luglio 2013 i festeggiamenti per il 60° anno di fondazione della Colonia estiva SOS Kinderdorf. Questo il discorso pronunciato dal Sindaco Giorgio Schmidt:

    È con vero piacere che porgo a nome dell’Amministrazione comunale di Caldonazzo e mio personale un cordiale saluto di benvenuto a tutti voi.
    Un cordiale e sincero benvenuto alle Autorità del Villaggio Kinderdorf che sono oggi intervenuti qui a Caldonazzo in occasione della celebrazione del 60° di fondazione del Villaggio SOS Feriendorf di Caldonazzo, ma soprattutto a voi ragazzi che con la vostra presenza rendete gioioso e significativo questo giorno.
    Il Villaggio SOS di Caldonazzo, così bello e ben curato, è un luogo che rimane nel cuore di ogni ragazzo che qui arriva da ogni parte d’Europa per trascorrere qualche giornata di relax all’insegna della fratellanza e che qui trova una ambiente protetto e spettacolare. Caldonazzo è l’occasione per trovarsi insieme, un incontro di culture, tradizioni e abitudini diverse, che in questa suggestiva atmosfera del Lago di Caldonazzo, dialogano serenamente parlando il linguaggio universale dei bambini.

      Leggi il resto...

    Bystrice: il saluto del Sindaco Schmidt

    Egregio Sindaco di Bystrice,
    a nome della delegazione presente oggi, dell’Amministrazione comunale, dei cittadini di Caldonazzo e mio personale Le porgo il più cordiale saluto.
    E’ per noi è una grande gioia ritornare qui dopo oltre 47 anni dall’ultima visita ufficiale e rivedere i luoghi dove i nostri avi furono trasferiti forzatamente a causa della prima guerra mondiale e hanno trascorso qui un periodo molto difficile della loro vita.
    Sono passati ormai quasi 100 anni da quei tempi lontani, ma il ricordo e la voglia di non dimenticare è ancora profondo in noi. A Caldonazzo sono ancora vive alcune persone anziane che sono nate proprio in questi luoghi ed il racconto delle vicende legate a quel triste periodo suscita sempre molto interesse nei caldonazzesi.

     
    E’ importante ricordare per non dimenticare. E’ un preciso dovere in onore dei nostri cari defunti quì sepolti nel cimitero e per tutti quelli che morirono lontano da casa. E’ anche un compito necessario per raccontare ai giovani gli orrori e le difficoltà delle guerre perché tali tragedie non più a ripetersi.

      Leggi il resto...

    In Moravia, “Sulle orme dei padri“

    Un giorno di tanti anni fa ci è arrivato come effluvio, come profumo, come ricordo, come canto
    il nome Moravia. Moravia, Boemia...e Austria, nomi di zone d’Europa, sconosciute ai nostri cari del secolo scorso, a tanti nostri compaesani, concittadini. Prima conobbero la Galizia.
    Quelle note improvvise erano legate a festosi incontri di giovani
    , un tempo, di ragazzi, un tempo, che si recavano a scuola, non la loro di paese, ma scuola di raccolta di ragazzi levegani, caldonazzari, barcaroi, selvaroti, zentaneri, vigolani o della Bassa Valsugana, lontani per l’esodo forzato, dovuto alla prima guerra mondiale.

     
    Erano ricordi di ragazze con le trecce bionde, giovani adolescenti che studiavano da maestre a Kromeriz/Kremsir, in una sede delegata dall’Austria Ungheria per la Scuola Austroungarica Magistrale di Trieste-Gorizia.
    Attorno a quelle
    parole gnasche, henaske, valaske s’è voluto approfondire, cercare, verificare, cosa
    era accaduto ad interi paesi del fronte della Grande Guerra.
    Nel maggio 1915 grida e richiami, muggiti, belati, qualche abbaiata, verso i centri dell’ammasso del bestiame e dell’imbroglio, con il solo conforto di una bugia: “
    Fra due settimane tutto sarà finito e tornerete alle vostre case.”

     

    Leggi il resto...

    Un'indagine sulle cremazioni

    Il Consorzio dei Comuni Trentini ha pubblicato una indagine statistica sulle operazioni cimiteriali e cremazioni in Trentino.
    Su scala provinciale risulta che nel 2012 i decessi totali sono stati n. 4.744, di questi le cremazioni sono state pari a n. 1.431 cioè il 30%.
    Nel Comune di Caldonazzo si sono registrati nel 2012 n. 17 decessi, di questi n. 4 salme sono state cremate pari al 24%.
     
    Qui scarica la circolare completa e qui i dati statistici di ciascun Comune.


    Sfoglia il Notiziario Caldonazzese n.47

    Prima S. Messa per don Paolo Vigolani

    Domenica 23 giugno è stato il gran giorno per Don Paolo Vigolani, concittadino che ha celebrato la sua prima Santa Messa a Caldonazzo. Grande festa in paese, con la banda, gli schuetzen e tutte le associazioni.
    Di seguito, il discorso pronunciato dal Sindaco, Giorgio Schmidt:

     
    Benvenuto nella tua Caldonazzo caro Don Paolo,
    A nome dell’Amministrazione comunale, mio personale e di tutta la Comunità che mi onoro di rappresentare, ti do il più cordiale benvenuto in mezzo alla tua gente.
    Caro Don Paolo, ieri in Duomo, con una cerimonia solenne e commovente, hai pronunciato il tuo si a Cristo, alla Chiesa ed al Vescovo. Oggi vieni nella Comunità che ti ha cresciuto a celebrare la prima messa, un gesto di disponibilità e servizio.
    Qui tutti ti conoscono fin da bambino e facciamo fatica a vedere in te una persona nuova, diversa. Per noi sei sempre il Paolo che suonava nella Banda, che recitava nella Filodrammatica, che giocava con i bambini all’Oratorio, che passeggiava in paese.
    Eppure nell’ordinazione sacerdotale, Cristo imprime in coloro che ha scelto per il Ministero una impronta nuova, interiore, indelebile che li rende simili a Lui.

      Papa Paolo VI diceva che “in ogni sacerdote, Cristo ha stampato il suo volto umano e divino, conferendo ad essi una ineffabile somiglianza”.
    Quindi anche tu oggi sei diverso, sei stato scelto da Gesù tra gli uomini e sei diventato il segno della presenza viva ed operante di Cristo tra di noi.
    Oggi la Comunità di Caldonazzo è in festa: orgogliosa ed onorata di questa tua scelta; dopo 35 anni il Signore chiama a seguirlo un altro giovane di Caldonazzo.Leggi il resto...

    La Scuola Materna compie 120 anni

    120 anni di attività sono un traguardo importante e prestigioso. Traguardo tagliato dalla Scuola Materna di Caldonazzo che ha organizzato una serie di festeggiamenti per commemorare degnamente la ricorrenza.
    Di seguito ecco il discorso del Sindaco, Giorgio Schmidt, pronunciato in apertura della festa dell’8 giugno.

    Buon giorno a tutti,
    Porto un caloroso saluto da parte dell’Amministrazione comunale e mio personale a tutti i presenti.
    Un saluto particolare alle Autorità civili, religiose presenti e a tutti voi mamme e papà e bambini che con la vostra presenza rendete gioioso e significativo questo evento.
    120 anni di attività sono un traguardo importante e prestigioso e bene ha fatto il Presidente Aldo Conci e tutto il Direttivo ad organizzare una serie di festeggiamenti per commemorare degnamente la ricorrenza.
    La scuola materna di Caldonazzo, da tutti conosciuto come l’Asilo, è un’istituzione che è nel cuore di ogni cittadino di Caldonazzo, sia perché nelle sue aule sono passati migliaia di bambini oggi adulti ed ognuno di loro ha un ricordo particolare della sua esperienza nella scuola, sia per il ruolo di importante punto di riferimento a livello relazionale ed educativo che esso ha svolto in tutti questi anni ed ancora di più oggi con la crisi della famiglia e la delega alle istituzioni scolastiche del compito di educatori delle giovani generazioni.
    L’Asilo quindi come luogo di educazione e di crescita, come primo contatto con il mondo esterno, la società civile con le sue regole a volte difficili da rispettare, come luogo di incontro e di relazione con gli altri, luogo di nascita delle prime amicizie che a volte durano poi per tutta la vita.Leggi il resto...

    Itea: inaugurato l’immobile di via Contradella degli Orti

    COMUNE DI CALDONAZZO. ITEA SPA DA’ RISPOSTA ALLA RICHIESTA DI CASA A CANONE MODERATO.
    L’immobile di via Contradella degli Orti, acquisito da Itea dalla Società Costruzioni Iobstraibizer Srl, è strutturato su una pianta a forma di “C” ed è costituito da n. 20 unità abitative di diversa metratura distribuite su 3 livelli fuori terra con relative cantine e garage coperti posti nel primo piano interrato. Ha classificazione energetica Casaclima B ed è dotato di collettori solari per la produzione di acqua calda sanitaria e di un impianto di riscaldamento a pavimento. Il 23 aprile l’inaugurazione.

    È situato nelle immediate vicinanze del centro storico del paese il complesso abitativo a canone moderato composto da n. 20 alloggi e si articola su una superficie catastale di 1.745 mq ed un volume fuori terra di 5.023,70 mc. Gli appartamenti sono stati assegnati oggi agli utenti che sono risultati idonei in graduatoria (in totale sono giunte 46 domande), per la maggior parte rappresentati da giovani coppie e da famiglie con bambini piccoli attualmente già residenti nei paesi nei dintorni del comune di Caldonazzo, tra cui Pergine Valsugana, Levico Terme, Centa San Nicolò e Trento. Il bando ha riservato il 40% dei posti alle giovani coppie e ha dato priorità ai residenti nel comune e nella Comunità di valle e/o con particolari condizioni fisiche.

     
    A tagliare “idealmente” il nastro inaugurale è stata la presidente Itea Spa
    Aida Ruffini attorniata dai rappresentanti della Società - i consiglieri Michela Chiogna e Salvatore Ghirardini - e dai referenti del Settore Tecnico che hanno seguito il progetto.Leggi il resto...

    Avviso di convocazione prossimo Consiglio Comunale

    OGGETTO : Convocazione del Consiglio Comunale.
    Ai sensi del T.U.LL.RR.O.C. approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005 n. 3/L,
    informo le SS.LL. che il Consiglio Comunale è convocato in adunanza ordinaria, in seduta
    pubblica, nella sala delle riunioni del Municipio per le ore 20.00 del giorno 10 APRILE
    2013 per trattare il seguente

    Prot. n. 1723

    ordine del giorno

    1. Approvazione verbale della seduta consiliare di data 8 febbraio 2013.
    2. Surroga Consigliere comunale dimissionario.
    3. Riconoscimento debiti fuori bilancio, ai sensi dell'art. 21, comma 1, lettera a) del
    D.P.G.R. 28.05.1999, n. 4/L (sentenze immediatamente esecutive).
    4. Permuta fra, parte della p.f. 5225/1 e parte della p.f. 5226/1 C.C. Caldonazzo di
    proprietà del Comune di Caldonazzo e la p.f. 5225/31 e parte della p.ed. 1254 C.C.
    Caldonazzo di proprietà del signor Biasioni Fabrizio, realità site in Località
    Monterovere.Leggi il resto...

    Incontro pubblico sugli impianti di telecomunicazione

    GIOVEDI' 04 APRILE 2013 ALLE 20 - SALA MARCHESONI
     
    INVITO AD UN PUBBLICO INCONTRO SUI CONTENUTI DEI DUE REGOLAMENTI DI PROSSIMA ADOZIONE DA PARTE DEL CONSIGLIO COMUNALE
     
    Regolamento/direttive per il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti fissi di telecomunicazioni
     
    Regolamento per la manutenzione dei sistemi di evacuazione dei prodotti da combustione a servizio di generatori alimentati con combustibile solido, in applicazione dell’art. 14 della L.R. 20.08.1954, n. 24 (pulizia camini)
     


    COMUNE DI CALDONAZZO
    Provincia di Trento



    Regolamento/direttive per il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti fissi di telecomunicazioni

    Il Comune di Caldonazzo ha già adottato un Regolamento/direttive per il corretto insediamento urbanistico e territoriale degli impianti fissi di telecomunicazioni, con deliberazione del Consiglio Comunale n. 1 di data 11.02.2002, in base all’art. 61 della L.P. 11.09.1998, n. 10.

    Leggi il resto...

    Eye in the sky: nuova associazione a Caldonazzo

    Alla presenza di un pubblico numeroso di appassionati e semplici curiosi si è presentata VENERDì 28 MARZO 2012, presso la Casa della Cultura, la nuova associazone di astrofili dilettanti con sede a Caldonazzo: Eye in The Sky 
     
    Il Presidente ANDREA CONCI ha spegato che l'Associazione nasce con l'intento di far avvicinare più occhi possibili all'oculare di un telescopio per vedere, guardare, osservare, sbirciare quello spettacolo infinito che è il Firmamento. L'Associaizone si propone di dividere quest'avventura con chiunque abbia la curiosità di fermarsi un attimo e guardare il cielo stellato sia da cieli bui che da zone urbane immerse nell'inquinamento luminoso.
    Gli astrofili caldonazzesi hanno come obbiettivo oltre che scrutare il cielo e l'Astrofotografia, anche il coinvolgimento dei "non addetti ai lavori" attraverso la Sidewalk Astronomy, ovvero l'Astronomia da Marciapiede. Si tratta di mettere un telescopio lungo un marciapiede, in un piazzale, fuori da un Pub e far vedere a chi passa ciò che non ha mai visto nè immagina di poter vedere.
     
    Il Sindaco Giorgio Schmidt ha rivolto un caloroso saluto alla neonata Associazione sottolineando come la nascita di un'Associazione sia un fatto meraviglioso ed importante per la Comunità di Caldonazzo, come la nascita di una nuova stella.
    Ha espresso l'augurio per una intensa e profiqua attività, complimentandosi con i soci fondatori per la loro voglia di fare e di mettersi in gioco. L'Amministrazione comunale, ha assicurato, sarà sempre a fianco delle associazioni e dei volontari che si danno da fare per il bene comune.
     
     
    Per coloro che nè vogliono sapere di più:
    Il gruppo è già attivo su Facebook: http://www.facebook.com/EyeInTheSkyAstronomy
    Il sito ufficiale è http://eyeintheskyastronomy.tk
     

    Il gruppo dell'Utetd in visita a Trento

    Visita istituzionale del Gruppo dell'Università della Terza Età e del Tempo disponibile (UTETD)
     
    Il 27 marzo un folto gruppo di circa 40 persone, accompagnato dalla Responsabile del Gruppo UTETD Sig.a Lucia Libardoni e dal Sindaco Giorgio Schmidt ha visitato il Palazzo della Regione a Trento, ha ascoltato seduto sugli scranni del Consiglio Provinciale alcune brevi note sulla storia del palazzo raccontata dalla Sig.a Anna Eccher – responsabile delle visite guidate istituzionali del consiglio Provinciale di Trento –  che ha da poco sostituito il Cav. Mauro Larentis, ora in pensione.

     
    L'attuale palazzo sede della Regione Autonoma Trentino Alto Adige il cui progetto del 1953 è opera dell'architetto trentino Adalberto Libera (1903-1963) - esponente di spicco dell'architettura razionalista italiana dell'epoca che aveva precedentemente progettato, a Trento, le scuole Sanzio (1931-1934) e un edificio INA in via Galilei (1949) - è sorto sulle rovine dell'ex casa "Caneppele"(1877) che venne colpita dai bombardamenti della seconda guerra mondiale quando ospitava la sede trentina della Banca d'Italia. Leggi il resto...

    Una nuova pensilina per il bus di via Brenta

    Egregio signor Sindaco,
    Il momento è arrivato, quello che da tanto tempo aspettavamo è giunto per noi.
    Da due anni aspettavamo questo evento. Il giorno che abbiamo visto la nuova pensilina, un mattino qualunque per noi è diventato un mattino speciale che da tanto aspettavamo....
    Tutto questo era solo per porgere un enorme ringraziamento a nome di tutti noi studenti della fermata per lo scopo che si era prefissato anni fa ma solo ora raggiunto...
    Da noi tutti un immenso ringraziamento.

    Dai ragazzi della fermata di via Brenta 

    Carissimi ragazzi,
    Grazie per la mail e le foto che pubblicheremo sul Notiziario.
    Mai disperare, ci abbiamo messo tanto ... ma alla fine la pensilina è arrivata. Mancano ancora i portabici ma arriveranno anche questi.
    Mi fa anche molto piacere vedere che qualcuno manda un segno di ringraziamento, è una cosa molto rara oggigiorno, che vi fa molto onore.
    Grazie a voi per la mail. Buon studio.
    Giorgio Schmidt

       

    Modifiche alle disposizioni regionali in materia di ordinamento ed elezione degli organi dei Comuni

    LEGGE REGIONALE 05 FEBBRAIO 2013 N.1
    Modifiche alle disposizioni regionali in materia di ordinamento ed elezione degli organi dei Comuni

    In materia di riduzione della spesa pubblica (spending review) prendono corpo le prime ed un po’ timide modifiche di Legge.
    Si tratta in particolare della Legge che riduce il numero dei componenti dei Consigli Comunali e delle Giunte Comunali a partire dalla prossima consigliatura.
    Con la vecchia Legge, nella prossima consigliatura Caldonazzo sarebbe rientrato nella fascia dei Comuni con 20 Consiglieri e 7 assessori.
    La nuova norma prevede che i componenti del Consiglio Comunale del nostro Comune vengano ridotti a 18 ed i componenti della Giunta a 5 (Sindaco + 4 Assessori).

    Si poteva fare di più? Certamente si, ma comunque meglio di niente.
    Giorgio Schmidt

    Scarica qui il testo della norma.
    Documento 1
    Documento 2

    Bilancio di Previsione 2013 e 2013-2015

    Il Consiglio comunale nelLa seduta del 08 febbraio 2013 ha approvato il BILANCIO DI PREVISIONE 2013 ED IL BILANCIO PLURIENNALE 2013-2015.

    Sfoglia IL PARERE DELL'ORGANO DI REVISIONE CHE RIASSUME LE PRINCIPALI VOCI.

    Approvata la variante al PRG

    PRG - VARIANTE PER OPERE ED INFRASTRUTTURE DI INTERESSE PUBBLICO
    approvata in consiglio Comunale il 08 febbraio 2013 con 14 voti favorevoli su 14 presenti
     
    Sulla base delle indicazioni tecniche fornite dall'Amministrazione comunale, il servizio urbanistica della Comunità ha provveduto alla redazione della variante urbanistica al PRG. Tali varianti riguardano nello specifico:
    1. Stralcio di una zona a verde pubblico e ampliamento del parcheggio a servizio del cimitero
    2. previsione di una zona da adibire a parcheggio in località Maso Piatele
    3. Previsione di una viabilità locale di progetto nella località Broletto, in centro all'abitato di Caldonazzo e a valle della ferrovia
    4. Previsione di un'area pre attrezzature pubbliche (scolastiche e culturali) in cui collocare l'asilo nido, nei pressi del centro commerciale denominato Villa center
    5. Previsione di un'area a verde pubblico in prossimità della Torre dei Sicconi
    6. Previsione di un'area a parcheggio in zona Lido.
     
    Sfoglia la relazione normativa e cartografica con integrazione normativa.

    Sfoglia il Notiziario Caldonazzese n.46

    Anno nuovo, Elezioni, novità e qualche soddisfazione

    Il governo Monti ha esaurito il suo mandato. Il Paese si prepara ad un nuovo governo. Comunità di valle, Provincia autonoma e tante notizie positive per Caldonazzo

    Cari caldonazzesi,
    Il governo tecnico di Mario Monti ha rimesso il suo mandato, ponendo fine ad un’esperienza durata poco più di un anno. Tento qualche osservazione. Ha portato il Paese fuori dal baratro e, forse, non faremo la fine della Grecia. Ha restituito all’Italia credibilità e prestigio nei confronti della comunità internazionale, il che è impresa non da poco dopo anni di “politica del bunga-bunga” e di barzellette. All’estero ora, non ridono più di noi ma ci guardano con rispetto. Bene. Detto questo, però, bisogna riconoscere che da un Governo di tecnici e professori come questo ci si poteva aspettare di meglio. Per scaricare i costi del risanamento dei conti pubblici sulle famiglie, lavoratori, pensionati e sulle categorie più deboli non occorreva certo disturbare grandi docenti. Per introdurre l’IMU sulla prima casa ed elevare le aliquote, aumentare l’addizionale regionale IRPEF e la tassa sui rifiuti, aumentare l’IVA e le accise su benzina, gasolio e GPL, aumentare i pedaggi autostradali, introdurre il bollo sui conto di deposito bancari e postali, allungare l’età per la pensione, ridurre le agevolazioni fiscali, non era necessario scomodare insigni banchieri. Si calcola che sono circa 50 le tasse, nuove o semplicemente aumentate, che il governo Monti ha introdotto nell’ultimo anno, portando la tassazione ad un livello del 55%, uno dei più alti al mondo. Manca ancora la tassa sul macinato come ai tempi di Quintino Sella (1870)!
    Se non ricordo male ai tecnici avevamo chiesto di fare quello che i politici non erano riusciti a fare: taglio del numero di deputati e senatori, riduzione degli stipendi e delle indennità varie dei politici, taglio dei vitalizi, eliminazione del finanziamento pubblico dei partiti, cancellazione degli enti inutili, abolizione dei privilegi della Casta, fissazione di un tetto per stipendi dei pubblici dirigenti e così via... o sbaglio? Fatto questo si poteva orientarsi su sviluppo ed equità, creazione di nuovi posti di lavoro ed infine anche sui sacrifici per i cittadini che avrebbero meglio digerito le nuove misure di rigore dopo aver visto eliminati favoritismi e sperperi di denaro pubblico da parte della “Casta”. Ma forse era chiedere troppo ad un Governo di banchieri, baroni universitari e rappresentanti del Gotha della Finanza. Scusate lo sfogo!Leggi il resto...

    Graduatoria assegnazione degli alloggi ITEA

    È stata approvata la graduatoria per l’assegnazione degli alloggi ITEA a Caldonazzo.
    Per scaricare l’allegato con il documento di approvazione e i nomi degli assegnatari clicca qui.

    Stato di attuazione dei programmi 2012

    COMUNE DI CALDONAZZO 
     
    RISULTATO COMPLESSIVO DEL BILANCIO
    E STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI ANNO 2012

     
    Al Consiglio Comunale 
     
    Come atto propedeutico all’assestamento del bilancio di previsione per l’esercizio 2012 si espone di seguito l’analisi delle risultanze complessive del bilancio e dello stato d’attuazione dei programmi e precisamente:
     
    PROGRAMMA 1 : Servizi generali
     
    PROGRAMMA 2 : Cultura - sociale - turismo – attività ricreative
     
    PROGRAMMA 3 :  Viabilità – illuminazione pubblica
     
    PROGRAMMA 4  : Territorio – parchi - fognature – acquedotti
     
    PROGRAMMA 5 : Sviluppo economico – programmazione finanziaria
     
    Si espone di seguito lo stato d’attuazione degli stessi con le modifiche che s’intendono apportare sulla scorta dell’esperienza della gestione del bilancio e delle sopravvenute esigenze.
     
     
     
    PROGRAMMA 1 : Servizi generali
     
     
    Per la parte gestionale le previsioni del bilancio 2012 sono state in gran parte attuate.
     
    L’Ufficio Segreteria, oltre all’ordinaria attività, è stato impegnato nel seguire in particolare:
    -          la regolarizzazione dell’affitto  di alcuni terreni comunali con i conseguenti contratti
    -          la procedura del piano di recupero loc. Brenta
    -          la proroga della gestione del Palazzetto

    Leggi il resto...

    Commemorazione caduti di tutte le guerre

    Come ogni anno, il 4 novembre, si è svolta la commemorazione dei caduti di tutte le guerre. Erano presenti il parroco, i rappresentanti delle forze dell’Ordine, i ragazzi dell’Audace e naturalmente il Gruppo Alpini di Caldonazzo.

     
    Questo il discorso del Sindaco, Giorgio Schmidt:

    Carissimi concittadini,

    anche quest’anno con grande commozione e partecipazione insieme a tutti voi commemoriamo questa giornata dedicata ai caduti di tutte le guerre. Ricordare e commemorare i nostri cari caduti in guerra e tutti coloro che hanno perso la vita in missioni di pace è il dovere più grande che possiamo rendere per fare in modo che il sacrificio di migliaia di giovani non sia stato vano.  

    I nomi dei caldonazzesi caduti e scritti su questo monumento, ai quali oggi rendiamo il massimo onore, sono il monito a costruire una società più giusta, una società di pace e di lavoro ed il loro esempio ci sia sempre di guida per progettare un futuro di speranza per le giovani generazioni.
    Leggi il resto...

    Finalmente una libreria a Caldonazzo!

    Il 20 ottobre scorso è stata inaugurata a Caldonazzo la Libreria Mobydick. Il Sindaco, dopo aver portato i saluti dell'Amministrazione comunale, ha salutato i presenti in particolare il Sig. Parroco, lo scrittore Carmine Abate, ed i titolari Pino Loperfido e Rita Moratelli, ha ricordato come Il progetto di oggi sia un progetto coraggioso e in controtendenza per molteplici motivi: siamo in Italia, il Paese europeo dove si legge meno; la pesante crisi economica non aiuta certo le nuove iniziative; le nuove tecnologie informatiche come l'e-book o dvd tolgono sempre più lettori ai libri tradizionali.
     
    Tuttavia questa nuova iniziativa nasce dalla convinzione tenace che le belle idee, come le belle storie e le belle parole non sono soggette alle regole del mercato ed alle congiunture economiche ma solo all'attenzione, alla cura e alla passione con cui vengono portate avanti.
     
    Nell'essere particolarmente felice che a Caldonazzo sia stata aperta una nuova Libreria, il Sindaco ha auspicato che questo luogo non sia solo un negozio di libri, una semplice attività economica, ma uno spazio dove idee, immagini, parole e persone si incontrano, si uniscono e danno vita a nuovi orizzonti, a nuove prospettive.

     
     
     
     

    I caldonazzari della classe 1932

    Si è svolta domenica 7 ottobre la tradizionale festa degli 80enni organizzata dall'Amministrazione Comunale. Una ventina i caldonazzari della classe 1932 compresi 2 parroci don Luigi Roat e Don Valentino Chiocchetti, che hanno seguito la S.Messa officiata dai due coscritti.
    A seguire breve intrattenimento musicale ad opera della Civica Società Musicale di Caldonazzo e pranzo presso l'Albergo Due Spade allietato dalle bellissime poesie di Campregher Maria Rosa.

     Leggi il resto...

    Una visita guidata al Consiglio Regionale

    Giovedì 4 ottobre, il Gruppo Pensionati ed anziani "GB Pecoretti" ha organizzato una visita guidata al Consiglio Regionale di Trento ed a seguire alla Casa Natale di Alcide DeGasperi a Pieve Tesino.
    Il gruppo di circa 40 persone, accompagnato dal Presidente Giuseppe Conci e dal Sindaco Giorrgio Schmidt ha visitato il Palazzo della Regione a Trento,  ha ascoltato seduto sugli scranni del Consiglio la storia del palazzo raccontata dal Cav. Mauro Larentis.
    L'attuale palazzo sede della Regione Autonoma Trentino Alto Adige è sorto sulle rovine dell'ex casa "Caneppele"(1877) che venne colpita dai bombardamenti della seconda guerra mondiale quando ospitava la sede trentina della Banca d'Italia.
    La Giunta Regionale nel 1953 ritenne opportuno bandire un concorso nazionale per la progettazione di una nuova sede.
    A conclusione del concorso nell'estate del 1954 venne proclamato vincitore, tra i più di cinquanta progetti presentati, quello dell'architetto trentino Adalberto Libera (1903-1963) esponente di spicco dell'architettura razionalista italiana dell'epoca che aveva precedentemente progettato, a Trento, le scuole Sanzio (1931-1934) e un edificio INA in via Galilei (1949).
    La costruzione realizzata tra gli anni 1958-65 venne affidata alla Garboli di Roma che si avvalse della collaborazione in subappalto di numerose imprese specialistiche anche locali.
    La direzione dei lavori venne svolta dall'Ufficio Tecnico della Regione diretto dall'Ing. Arch. Ezio Miorelli.
    Il Gruppo si è poi recato a Pieve Tesino per un'interessante visita alla Casa Natale di Alcede Degasperi.    

    Presentata la collezione "Dario Graziadei"

     

    Presentata all'ex Caseificio, sabato 29 settembre 2012, la collezione Mineralogica e Malacologica donata al Comune di Caldonazzo dagli eredi del farmacista DARIO GRAZIADEI più di 20 anni or sono. La collezione è stata catalogata, riordinata e presentata a cura della SAT la quale si è avvalsa della preziosa collaborazione dello storico Claudio Marchesoni e della geologa Silvia Mittempergher oltre che dell'aiuto del Museo di scienze naturali di Trento.
    La collezione abbellirà in modo permanente la sala dell'entrata dell'ex caseificio in modo che tutti i cittadini ne possano prendere visione.
    La collezione è accompagnata da un pieghevole che spiega la vita di Dario Graziadei e le particolarità della collezione.


    Consiglio: soldi per «nido» e centro anziani

    CALDONAZZO - La Provincia ha finanziato il progetto di ristrutturazione del piano terra dell’ex albergo Giardino che diventerà il Centro diurno per gli anziani, la costruzione del nuovo asilo nido e un ramale dell’acquedotto comunale. Notizie che il sindaco di Caldonazzo, Giorgio Schmidt, ha condiviso con i consiglieri comunale nella seduta dell’altro ieri sera. Soddisfazione è stata espressa dalla minoranza per le interrogazioni presentate sul «progetto provinciale Rete Castelli» e sui lavori di asfaltatura di via Roma. Ha destato perplessità invece la risposta del sindaco all’interrogazione sul taglio degli alberi che ha interessato gran parte del centro storico. Trentacinque
    le piante abbattute dal Comune (costo di 7.050 euro). «Erano tutte ammalate?», interroga il consigliere Marco Motter, che poi ricorda come «nella relazione redatta a suo tempo l’indicazione era di provvedere ad una progressiva sostituzione». E conclude: «È già stato disposto il ripristino delle piante abbattute?». La risposta è dell’assessore Claudio Battisti con delega all’arredo urbano e parchi pubblici: «Quegli alberi rappresentavano una reale situazione di pericolo per la sicurezza pubblica. L’amministrazione si impegna alla ripiantumazione nei modi e secondo le risorse finanziare disponibili tra l’autunno e la prossima primavera».
    È stata poi ceduta la stradaLeggi il resto...

    Bando per la formazione della graduatoria ai fini della locazione di alloggi di edilizia abitativa pubblica

    COMUNITA’ ALTA VALSUGANA E BERSNTOL
    Tolgamoa’ schòft Hoa Valzegu’ ont Bersntol
    P.zza Gavazzi n. 4 – 38057 PERGINE VALSUGANA
    _______________
    Bando per la formazione della graduatoria ai fini della locazione di alloggi di edilizia abitativa pubblica da locare a canone moderato

    Ai sensi dell’art. 1 comma 3, lettera d) della Legge Provinciale 7 novembre 2005, n. 15 e s.m.i., e dell’art. 36 del Regolamento di attuazione approvato con Decreto del Presidente della Provincia 12 dicembre 2011, n. 17-75/Leg.

    Termini per la presentazione delle domande:
    dal 17 SETTEMBRE 2012 al 31 OTTOBRE 2012

    Sono aperti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione al bando per la formazione di una graduatoria ai fini della locazione a canone moderato di n. 20 alloggi di edilizia abitativa pubblica acquisiti da I.T.E.A. S.p.a. nel Comune di Caldonazzo - Via Condradela degli Orti, come di seguito descritti:

    Leggi il resto...

    Avviso graduatoria per locazione a canone moderato


    COMUNITA’ ALTA VALSUGANA E BERSNTOL
    Tolgamoa’ schòft Hoa Valzegu’ ont Bersntol
    P.zza Gavazzi n. 4 – 38057 PERGINE VALSUGANA

     


    Si informa che dal
    17/09/2012 al 31/10/2012 sono aperti i termini per la presentazione delle domande di partecipazione al bando per la formazione di una graduatoria ai fini della locazione a canone moderato di n. 20 alloggi di edilizia abitativa pubblica acquisiti da I.T.E.A. S.p.a. nel Comune di Caldonazzo - Via Condradela degli Orti
    L’immobile oggetto della locazione risulta classificato ai sensi della vigente normativa provinciale in classe energetica “A”. Le caratteristiche degli alloggi disponibili sono le seguenti: n. 6 alloggi ad una stanza da letto, n. 8 a due stanze da letto e n.6 a tre stanze da letto. Tutti gli alloggi sono provvisti di garage, n. 6 appartamenti dispongono inoltre di giardino e i restanti n. 14 di poggiolo/i. Il canone di affitto è compreso tra un minimo mensile di € 317,65 e un massimo di € 460,18.
    Otto alloggi dotati di almeno due stanze sono riservati ai seguenti soggetti:

    Leggi il resto...

    25° Schützen Caldonazzo e Pergine

      Grande animazione e partecipazione per i festeggiamenti in occasione del 25° anniversario Compagnia Schuetzen Caldonazzo e Pergine. Il Sindaco, Giorgio Schmidt, in compagnia dell’Assessore provinciale Franco Panizza e di altri Sindaci della zona, ha così portato il suo saluto:

    “Autorità, Schützen, cittadini, gentili ospiti,
    è con vero piacere che porgo a nome dell’Amministrazione comunale di Caldonazzo e mio personale un cordiale saluto di benvenuto a tutti voi. Un cordiale e sincero benvenuto a tutti gli Schützen e loro familiari che sono oggi intervenuti qui a Caldonazzo in occasione della celebrazione del 25° di rifondazione della locale Compagnia Schützen.
    Un augurio particolare alla compagnia Schützen di Pergine - Caldonazzo ed al suo comandante Stefano Agostini ed un sentito ringraziamento per la grande disponibilità ed il loro impegno in favore della nostra Comunità. Essi sono sempre presenti e disponibili e costituiscono un elemento importante all’interno del grande mondo dell’associazionismo e del volontariato di Caldonazzo.
    La manifestazione di oggi è un’occasione preziosa per fortificare la nostra memoria storica e molte sono le analogie di oggi con il passato che ci possono fare riflettere.
    Poco più di 200 anni fà, era infatti 1809, anche gli abitanti della nostra valle iniziarono l’insurrezione popolare, con al centro Andreas Hofer, che portò poi alla riunione del Tirolo storico. Essi non potevano più sopportare le sempre più pesanti disposizioni del governo francese e bavarese che avevano sconvolto la vita delle comunità.
    E’ nel ricordo di tanti eroi umili e semplici, che oggi tutti noi siamo chiamati alla difesa della nostra terra, attraverso il recupero ed il rispetto della nostra storia, delle nostre tradizioni e del nostro modo di essere e di sentirci comunità autonoma. Non è solo una questione di denaro, oggi come allora, sono in gioco i nostri stessi valori etici e morali.
    Cari Schützen, è per me un grande onore essere qui oggi a rappresentare il nostro Comune e sono molto orgoglioso di avere una compagnia Schützen a Caldonazzo e vi invito a continuare nella difesa della nostra identità, del comune patrimonio culturale per affrontare le sfide di domani.
    Buona festa a tutti!”

     Leggi il resto...

    Sfoglia il Notiziario Caldonazzese n.45

    Via Brenta, sottopasso anti - code

    L’amministrazione comunale stringe i tempi per arrivare alla progettazione e alla costruzione, dopo quello di Punta Pescatori Andanta, di un secondo sottopasso ferroviario, necessario per eliminare le lunghe code che, specie nei mesi estivi, si formano al passaggio a livello nei pressi della stazione dei treni.
    La giunta, guidata dal sindaco Giorgio Schmidt, ha affidato un incarico per il rilievo dell’area, individuata in corrispondenza di via Brenta e intersezione con Viale Trento, e per lo studio di fattibilità dell’opera: sarà l’ingegner Erino Bombardelli della Società Ata Engineering Spa di Trento (già progettista del sottopasso di Punta Pescatori) a elaborare le possibili soluzioni, e a presentarle all’amministrazione entro 30 giorni, a fronte di un compenso di 14.568,41 euro.
    «Quello del passaggio a livello accanto alla stazione ferroviaria è un problema annoso, del quale la Provincia è stata investita da tempo, senza mai però arrivare a una soluzione spiega il sindaco -. Adesso, anche in vista del potenziamento della linea della Valsugana e dei lavori di ammodernamento della stazione che Trentino Trasporti ha programmato per l’estate 2013, diventa urgente intervenire».
    Il nuovo sottopasso faciliterà l’accesso diretto al lago e i collegamenti dalla frazione Brenta, «tenendo conto anche aggiunge il sindaco che ormai un terzo della popolazione risiede nella zona lago». Ma, soprattutto, costituirà il primo tassello di un progetto che vedrà la stazione ferroviaria rimessa a nuovo diventare un polo della mobilità. «L’idea è di portare lì anche la linea di trasporto urbano che oggi passa in centro storico con grande difficoltà, e di farvi arrivare la ciclabile continua Schmidt -, in modo da favorire anche lo scambio bici + treno: quella di Caldonazzo è la stazione più alta sul livello del mare, e quindi potrebbe diventare un punto di interscambio interessante per i biker diretti verso Levico e Pergine. Senza contare che il treno della Valsugana per i turisti stranieri, olandesi e tedeschi, che d’estate soggiornano in riva al lago significa raggiungere Venezia per una gita che tutti fanno. Abbiamo infatti chiesto che la nuova stazione abbia un ingresso anche a nord». Lo studio di fattibilità, con una previsione di spesa, avvia l’iter del progetto da presentare in Provincia per il finanziamento.
    Nell’ultima seduta, la giunta comunale ha anche deliberato l’estinzione anticipata di mutui passivi assunti presso la locale Cassa rurale per 358.646,25 euro, utilizzando una quota dell’avanzo di amministrazione 2011 e una quota del budget provinciale. «L’operazione ci consente di risparmiare sugli interessi passivi, liberando risorse che in tempi di crisi conclude il sindaco ci danno maggiore di respiro». R. B “l’Adige”

    Il TBF si chiude con 1500 persone in piazza

     

    Tanti i protagonisti di questo secondo Trentino Book Festival. Scrittori e giornalisti, attori e attrici, gruppi e musicisti, sportivi, presentatori, organizzatori, volontari; e via, di seguito, l’associazionismo locale,  il grande pubblico ed anche lui,  l’Anticiclone Africano.  Abbiamo sentito parole, emozioni, sensazioni, ventate di calore sulla pelle, applausi, risate, domande.  Un evento unico, per il Trentino e per Caldonazzo. In questa location che affascina per  il paesaggio e per le acque fresche del lago,  abbiamo avuto la grande opportunità di ascoltare e di conoscere tanti grandi nomi della letteratura, della cultura, della musica.
    L’Associazione di Promozione Sociale “Balene di montagna” – guidata dallo scrittore e giornalista Pino Loperfido -  ha organizzato questo evento con passione, con impegno, con meticolosa dedizione. E i risultati erano tutti  lì, palpabili. A conferma del successo della manifestazione, la folta partecipazione,  le strette di mano, le congratulazioni, i sorrisi di assenso, i libri sotto il braccio.
    Senza timore di rischiare la caduta nella sfera del facile sentimentalismo, possiamo  riferire con [quasi]  adeguata lucidità di aver respirato, almeno in parte,  l’anima di questo Festival.

     
    Possiamo riferire brevi lampi di emozione, come gli occhi lucidi di molti ascoltatori accorsi ad ascoltare le tragedie del popolo armeno raccontate da Antonia Arslan; la sorpresa di trovare lì, per la strada, appoggiato ad un muretto (pochi minuti prima di essere il protagonista di uno dei momenti più attesi della giornata) un disinvolto quanto inappuntabile Erri de Luca, perfettamente a suo agio nella sua camicia rossa d'ordinanza;  la  sorprendente immediatezza  di Dacia Maraini nel comunicare l’ineluttabilità della vita ad un pubblico che alla fine stenta a lasciarla andare via con quella grande valigia  e che  quasi la rincorre e poi la saluta dall’automobile in corsa con la mano, come si fa con i nostri cari.  
    E che dire delle struggenti letture di Andrea Castelli lassù alla Torre dei Sicconi … delle tante esperienze femminili raccontate, lette e recitate in tutti i luoghi del paese, dal caseificio alla bucolica fioreria, dal bar centrale alla piazza, dal giardino per i più piccoli al palazzetto.
    E infine la chiusura, l’inevitabile the end.
    L’ora dei saluti, si sa,  racchiude sempre una duplice connotazione. Quella più festosa e adrenalinica, che celebra il successo del festival – indimenticabili The Bastard Sons of Dioniso intervallati ritmicamente dalle letture pascoliane di Denis Fontanari – e quella lievemente malinconica, che ci riporta alle consuetudini della vita. Una piazza così nessuno l'aveva mai vista a Caldonazzo. I più pessimisti hanno stimato 1500 persone...
    Ma a farci compagnia, fino alla prossima edizione, fortunatamente  ci sono sempre loro. I libri. A nutrire la nostra anima di appassionati di letteratura di tutti i generi, di tutti i tempi, di tutte le tematiche.
    I libri che ci fanno volare e che ci aiutano a crescere. I libri che sono stati l’anima di questo secondo Trentino Book Festival. Arrivederci al 2013!

     

    Associazione sportiva Judo Caldonazzo

    L' associazione sportiva dilettantistica Judo Caldonazzo nasce nel 2008, è iscritta alla FIJLKAM (Federazione Italiana Judo Lotta Karate Arti Marziali) ed ha iniziato i corsi di Judo al palazzetto comunale di Caldonazzo poi trasferita presso centro commerciale "Villa Center" in viale Trento,4 a Caldonazzo.
    Gli iscritti vanno da un'età di 4 anni fino all'adulto. I nostri obbiettivi puntano soprattutto all'educazione motoria della fascia bambini fino a progredire e crescere con uno sviluppo delle capacità motorie , sociali , emotive , intellettive , imparando delle regole e rispetto reciproco. Una "via" in cui i valori educativi dello sport sono fondamentali.
    Partecipiamo ogni anno a trofei egare sia proviciali, regionali, internazionali con buoni risultati.
    Finalmente quest'anno siamo arrivati sul podio con un 1° posto al Campionato Italiano U 15 il giorno 27 maggio 2012 presso il Palafijlkam a Ostia, l'atleta premiata è Saltarel Valentina nata a Mestre il 26 giugno 1998 e residente a Tenna. Un augurio particolare dall'istruttore  Greta Casagrande  a Valentina che per lei sia un punto di inizio per migliorare sempre e non fermarsi mai.
    La nostra società in merito al risultato di Valentina è arrivata 5° nella classifica femminile.

     

    Con gli alpini di Caldonazzo a Bolzano 2012

    Domenica 13 maggio, il Sindaco Giorgio Schmidt ha rappresentato il comune di Caldonazzo all'83a Adunata degli Alpini a Bolzano. Erano 73 i Sindaci trentini presenti alla manifestazione a sottolineare la vicinanza delle istituzioni agli alpini.

     

    Convocazione del Consiglio Comunale

    OGGETTO : Convocazione del Consiglio Comunale.

    Ai sensi del T.U.LL.RR.O.C. approvato con D.P.Reg. 1 febbraio 2005 n. 3/L, informo le SS.LL. che il Consiglio Comunale è convocato in adunanza ordinaria, in seduta pubblica, nella sala delle riunioni del Municipio per le ore 20.00 del giorno 23 MAGGIO 2012 per trattare il seguente
    ordine del giorno
    1. Approvazione verbale della seduta consiliare di data 19 marzo 2012.
    2. Esame ed approvazione del rendiconto dell'esercizio finanziario 2011.
    3. Approvazione del rendiconto dell'esercizio finanziario 2011 del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Caldonazzo.
    4. Bilancio di Previsione per l'esercizio finanziario 2012. Prima variazione.
    5. Approvazione "Bilancio di previsione con variazioni complessive - anno 2012" del Corpo dei Vigili del Fuoco Volontari di Caldonazzo.
    6. Lavori di sistemazione e rettifica S.P. 133 di Monterovere dal km. 6.600 al km. 8.600. Parere.
    7. Approvazione convenzione con la Comunità Alta Valsugana e Bersntol per completamento documentazione tecnica riguardante la variante al P.R.G..
    8. Gestione Palazzetto comunale. Proroga.
    9. Approvazione modifiche allo Statuto della Società "Azienda per il Turismo Valsugana Società Cooperativa".
    10. Deliberazione consiliare n. 3 di data 19.03.2012 con oggetto: "Riduzione a zero addizionale comunale sull'accisa erariale applicata al consumo di energia ai sensi dell'art. 1, comma 3, della L.P. n. 2/2012". Modifica.
    11. Commissione per le problematiche del commercio fisso e ambulante. Sostituzione membro di maggioranza.
    12. Commissione per la modifica del Regolamento e delle direttive dell'I.C.I. e per l'aggiornamento del valore delle aree fabbricabili. Riconferma competenze a seguito dell'entrata in vigore del I.MU. e sostituzione componente di minoranza.
    13. Approvazione modifica al piano guida relativo alla p.f. 4296/2 C.C. Caldonazzo (area ex Longhini).
    14. Adozione piano di recupero area esterna alla "Pizzeria al Sole" in Località Brenta.

    Trasferta brasiliana per il Coro La Tor

    Alla fine di marzo il Coro “La Tor” si è recato in Brasile per una trasferta presso i discendenti degli emigranti trentini. Il coro al gran completo accompagnato dall’assessore Battisti Claudio e negli ultimi giorni anche dal sindaco Giorgio Schmidt, è stato ospite dei trentini della città di Piracicaba e Jau, nello stato di San Paolo, a circa 160 km dalla capitale san Paolo e nelle città di Blumenau e Rio Dos Cedros nello stato di Santa Caterina nel Sud del Brasile.
    E’ stata un esperienza unica e per certi versi incredibile, carica di umanità e di forti aspetti relazionali, morali e spirituali da non essere dimenticata velocemente.
    In Brasile ero già stato alcune volte per lavoro, ma mai mi era capitato di condividere esperienze così intense come questa volta con i nostri coristi.
    Innanzitutto devo dire che i nostri cantori sono eccezionali e l’atmosfera che si crea attorno al Coro è già di per se stessa magica e carica di emozioni, poi gli oriundi trentini, figli di emigranti, ci hanno accolti come fratelli e ci hanno trasmesso tanto calore ed umanità facendoci riscoprire quei valori morali e quel senso di condivisione che la nostra società evoluta ha perso nell’ostinata ricerca dell’indipendenza, del denaro e del successo.
    E allora è normale per loro ospitare l’intera comitiva (circa 40 persone) nelle loro case, offrire le loro camere e mandare i figli a dormire su un materasso per terra, condividere la colazione, il pranzo e la cena per poter parlare in dialetto trentino, far vedere le foto dei loro nonni che sono partiti da Roncegno, Ospedaletto, Grigno, Cembra, Aldeno, Campregheri e da quasi tutti i paesi del Trentino.
    Come poter dimenticare l’arrivo a Piracicaba, cittadina a 160 Km. da San Paolo e l’accoglienza a Santa Olimpia organizzata dall’incredibile Jose Eraldo Stenico, Consultore per la provincia Autonoma di Trento per il Brasile Centro Nord, con la comitiva che viene accolta all’ingresso del paese da una piccola folla di giovani festanti con bandiere italiane e trentine che, a bordo di un trattore, precedono l’autobus fino alla piazza centrale gremita di persone in attesa dell’arrivo dei trentini. Leggi il resto...

    Devolvi il 5xmille al Comune di Caldonazzo

    ….

    Anche Dacia Maraini al Book Festival 2012

    Dal 15 al 17 giugno, Dacia Maraini, Erri De Luca, Antonia Arslan, Massimo Carlotto e tantissimi altri scrittori al Festival Letterario del Trentino. Ma ci sono anche The Bastard Sons of Dioniso che omaggiano Giovanni Pascoli.

    L'appuntamento è per il weekend tra il 15 e il 17 giugno. Nonostante si tratti solo della seconda edizione, il Trentino Book festival è oramai già un classico dell'offerta culturale del Trentino. Nato indipendente, lo resta, per scelta e perché i numeri gli danno ragione. Come amano ribadire l'Associazione di Promozione Sociale "Balene di Montagna", che lo organizza e lo promuove, il Trentino Book Festival è l'appuntamento con una cultura disposta prima di tutto al confronto per necessità, verità e vocazione, con i problemi reali del nostro tempo. Non solo: la modalità del confronto è trasversalmente presente interessando prima di tutto il pubblico, cui si offre, ripetutamente in un programma densissimo, una gran quantità di incontro e conversazione con gli autori.

    "La nostra prima idea, nella sua semplicità - dice Pino Loperfido, scrittore e giornalista, ideatore della rassegna - ha convinto nella passata edizione un buon parterre e di autori e qualche migliaio di visitatori. Ma anche le Istituzioni. L'Assessorato alla Cultura della Pat, con lungimiranza, ha creduto fin dall'inizio a questo evento e gliene siamo estremamente grati. Un grazie anche al Comune di Caldonazzo, all'Apt Valsugana e ai privati, otre che ai media partner, TrentinoMese e lavalsugana.it". Leggi il resto...

    Formazione del catasto numerico

    Delimitazione del territorio comunale e delle proprietà in esso comprese

    Si avvisa la popolazione che prossimamente i Tecnici catastali, alla presenza delle parti interessate o di loro rappresentanti, intraprenderanno le operazioni di delimitazione e rilevamento delle particelle catastali relative al centro abitato e alle zone d’espansione nel C.C. di CALDONAZZO.
    Ai singoli proprietari sarà comunicata la data e la località in cui dovranno trovarsi per assistere a tali operazioni.
    Si raccomanda ai proprietari di intervenire personalmente sul luogo o di farsi rappresentare per la tutela del loro interesse e per la maggiore sollecitudine ed esattezza delle operazioni.
    Tutti i proprietari sono comunque invitati ad individuare, ancora prima dell’intervento dei tecnici, i confini delle loro proprietà in contraddittorio con i proprietari limitrofi, a comporre tra loro le eventuali contestazioni ed ad apporre i termini necessari per determinare in modo palese e stabile le linee di confine.
    I Tecnici catastali ed il personale addetto alle operazioni hanno diritto di accedere, in virtù delle norme vigenti, alle proprietà private.
    Si rende altresì noto che , presso la Sala , è indetta una riunione al fine
    di illustrare alla cittadinanza la portata dell’intervento.

    Trento, 05/04/2012

    IL DIRIGENTE arch. Roberto Revolti

    Associazioni, contributi garantiti

    Nessun taglio dal bilancio 2012 del Comune, approvato anche da Alberto Grassi (minoranza)

    Misure per controbilanciare gli effetti della crisi. Questo l’obiettivo del Comune di Caldonazzo che, vale la pena ricordarlo, è tra quelli definiti «più virtuosi» secondo gli standard imposti dalla Provincia, penalizzato dai minori introiti imposti dal patto di stabilità solo per il 2% (20 mila euro in meno nelle casse comunali). Nel far di conto per bilanciare entrate ed uscite, un occhio di riguardo è stato riservato a cittadini ed associazioni. Queste ultime infatti potranno beneficiare, anche in tempi di ristrettezze economiche, dei medesimi contributi erogati negli anni precedenti. I cittadini alla prese con l’Imup (ere dell’Ici), la nuova imposta patrimoniale che andrà a pesare sulle tasche dei proprietari di immobili, non si vedranno ritoccare le aliquote e le detrazioni per la quota di pertinenza comunale, approvate nel nuovo regolamento in sede consigliare, che rimarranno pressoché simili a quelle standard già in vigore con la vecchia Ici. Un’imposta, l’Imup, che andrà ad ingrossare le cifre delle entrate nel bilancio di previsione, approvato dalla maggioranza e con il voto favorevole del consigliere di minoranza Alberto Grassi, pari a 591.000 euro per la quota spettante al Comune, che andranno ad aggiungersi a 1.454.000 euro erogati dalla Provincia. Leggi il resto...

    Convocazione del Consiglio Comunale: l'Odg

    Ai sensi del T.U.LL.RR.O.C. approvato con D.P.Reg. 01.02.2005, n. 3/L, informo le SS.LL. che il Consiglio Comunale è convocato in adunanza ordinaria, in forma segreta/pubblica, presso la sala consiliare del Municipio per le ore 20,00 del giorno 19 marzo 2012 per trattare il seguente ordine del giorno

    1.
    Interrogazione del Gruppo Unione Civica per Caldonazzo su “realizzazione opere all’interno del verde pubblico annesso al castello Corte Trapp” (seduta segreta).

    2.
    Interrogazione del Gruppo Unione Civica per Caldonazzo su “foratura avvolto decimaio presso Corte Trapp” (seduta segreta).

    3.
    Interrogazione del Gruppo Unione Civica per Caldonazzo su “taglio degli alberi a Caldonazzo”.

    4.
    Interrogazione del Gruppo Unione Civica per Caldonazzo in merito al progetto provinciale “Rete Castelli”.

    5.
    Interrogazione del Gruppo Unione Civica per Caldonazzo su “lavori di asfaltatura di Via Roma”.

    6.
    Approvazione del verbale della seduta consiliare di data 28 dicembre 2011.

    7.
    Asilo Infantile privato di Caldonazzo. Sostituzione di componente di minoranza nel Consiglio Direttivo.

    8.
    Riduzione a zero dell’addizionale comunale sull’accisa erariale applicata al consumo di energia elettrica, ai sensi dell’art. 1, comma 3, della L.P. n. 2/2012. Leggi il resto...

    Interrogazione n.16 - Asfaltatura via Roma

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…

    Oggetto: Interrogazione in merito al progetto provinciale “Rete Castelli”.

    In relazione all’interrogazione di data 13/02/2012 relativa al progetto provinciale “Rete Castelli” ed alle iniziative in favore della promozione e valorizzazione della Magnifica Corte Trapp e del Giardino della Torre dei Sicconi, si precisa quanto segue.
    La Rete dei Castelli è un progetto a medio e lungo termine promosso dall’Assessorato provinciale alla Cultura che ha come obbiettivo innanzitutto la conoscenza del patrimonio esistente e la sua consistenza ed in una fase successiva lo sviluppo di percorsi di valorizzazione e promozione dei siti per incrementarne la visibilità e la fruizione in chiave culturale e turistica.
    La prima fase ha portato a catalogare ben 379 siti visitabili raggruppati in sei ambiti; quello di nostro interesse comprende la Valsugana e Val di Cembra ed è denominato “La via dei castelli, gli antichi percorsi dall’epoca romana a quella moderna” nel quale risulta inserito, tra gli altri, il sito pubblico denominato “Giardino della Torre dei Sicconi”, mentre non risulta inserita la Magnifica Corte di Caldonazzo in quanto luogo privato non visitabile.Leggi il resto...

    Interrogazione n.15 - Progetto “Rete Castelli”

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…

    Oggetto: Interrogazione in merito al progetto provinciale “Rete Castelli”.

    In relazione all’interrogazione di data 13/02/2012 relativa al progetto provinciale “Rete Castelli” ed alle iniziative in favore della promozione e valorizzazione della Magnifica Corte Trapp e del Giardino della Torre dei Sicconi, si precisa quanto segue.
    La Rete dei Castelli è un progetto a medio e lungo termine promosso dall’Assessorato provinciale alla Cultura che ha come obbiettivo innanzitutto la conoscenza del patrimonio esistente e la sua consistenza ed in una fase successiva lo sviluppo di percorsi di valorizzazione e promozione dei siti per incrementarne la visibilità e la fruizione in chiave culturale e turistica.
    La prima fase ha portato a catalogare ben 379 siti visitabili raggruppati in sei ambiti; quello di nostro interesse comprende la Valsugana e Val di Cembra ed è denominato “La via dei castelli, gli antichi percorsi dall’epoca romana a quella moderna” nel quale risulta inserito, tra gli altri, il sito pubblico denominato “Giardino della Torre dei Sicconi”, mentre non risulta inserita la Magnifica Corte di Caldonazzo in quanto luogo privato non visitabile.Leggi il resto...

    Interrogazione n.14 - Taglio degli alberi

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…
     
    Oggetto: Interrogazione in merito al taglio degli alberi a Caldonazzo.

    In relazione all’interrogazione di data 17/01/2011 relativa al taglio delle piante sul territorio di Caldonazzo, si precisa quanto di seguito:
    − con deliberazione della Giunta Comunale n° 182 del 20/09/2011 è stato affidato l’incarico alla ditta F&P Lavori S.n.c. di Eccher e Marchi con sede in Calceranica al Lago, per l’abbattimento di alcuni alberi nel territorio comunale, come da preventivo di data 08.08.2011, avverso il corrispettivo di € 7.050,00 + I.V.A. 21% riferito a circa 35 alberi.
    − la decisione dell’Amministrazione Comunale, come risulta indicato nella predetta deliberazione, è stata assunta sulla scorta di apposita relazione agronomica redatta in data maggio 2011 da parte del dott. Forestale Gianfranco Nicolini e commissionata con deliberazione della Giunta Comunale n° 64 del 29/03/2011, valutando la reale situazione di pericolo per la pubblica incolumità, individuando le zone ritenute più pericolose quali la spiaggia, la piazzetta presso la Cassa Rurale, le aree presso il cimitero ed alcune piante presso il parco centrale.
    Come analogamente operato in passato, l’Amministrazione Comunale è intervenuta esclusivamente per la pubblica sicurezza elemento che risulta preponderante rispetto alle disposizione regolamentari.Leggi il resto...

    Interrogazione n.13 - Decimaio Corte Trapp

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…
     
    OGGETTO: foratura avvolto decimaio presso Corte Trapp
     
    Con riferimento all'interrogazione presentata in data 17 gennaio 2012 con la presente si precisa che quanto segnalato sarà oggetto di verifica e accertamento a seguito del quale verranno assunti i conseguenti provvedimenti di carattere urbanistico-edilizio stabiliti dalla normativa se ed in quanto necessari.

    A disposizione per ulteriori chiarimenti si porgono distinti saluti.

     
    IL SINDACO

    Interrogazione n.12 - Verde Corte Trapp

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…
     
    OGGETTO: Realizzazione opere all'interno del verde pubblico annesso al castello Corte Trapp
     
    Con riferimento all'interrogazione presentata in data 17 gennaio 2012 con la presente si precisa che quanto segnalato sarà oggetto di verifica e accertamento a seguito del quale verranno assunti i conseguenti provvedimenti di carattere urbanistico-edilizio stabiliti dalla normativa se ed in quanto necessari.
     
    A disposizione per ulteriori chiarimenti si porgono distinti saluti.
     
    IL SINDACO

    Cani in paese: "Chi raccoglie semina civiltà"

    Il problema degli escrementi dei cani lasciati sui marciapiedi e lungo i vialetti dei parchi comunali è sempre più di attualità anche a Caldonazzo. Sempre più insistenti sono infatti le segnalazioni dei cittadini che lamentano la presenza di escrementi di animali sulle pubbliche vie e piazze. Nonostante il Sindaco avesse adottato, poco dopo il suo insediamento, un'ordinanza di divieto di accesso per cani anche al guinzaglio nei parchi, nelle aiuole e spiagge pubbliche, il fenomeno è andato sempre più aumentando.
    Nemmeno le numerose contravvenzioni elevate dai Vigili Urbani ai possessori di cani che nonostante il divieto continuavano a lasciare le deiezioni dei loro animali sui marciapiedi e negli spazi pubblici, hanno sortito un grande effetto.
    Neppure le migliaia di appositi sacchetti acquistati dall'Amministrazione comunale per la raccolta delle deiezioni e messe a disposizione gratuita dei possessori di cani hanno diminuito il fenomeno. E così a gran voce si torna a richiedere l'introduzione della tassa sui cani. L'Amministrazione comunale ha iniziato una campagna di sensibilizzazione dei proprietari, mediante l'apposizione di un centinaio di cartelli per le vie del paese con la scritta "chi raccoglie... semina civiltà" .. porta a spasso il tuo cane, tienilo al guinzaglio e rimuovi gli escrementi,  nella speranza di sensibilizzare i proprietari maleducati.
     
    "E' un problema di civiltà prima che di salute pubblica, dice il Sindaco di Caldonazzo Giorgio Schmidt, anch'io amo gli animali e sono proprietario di un cane. Il problema non sono i cani, sono i proprietari maleducati e senza senso civico. La mia libertà finisce dove inizia quella dell'altro e quindi è necessario rispettare il diritto di mamme e bambini di giocare liberi nei parchi o camminare sui marciapiedi senza il rischio di inciampare in qualche deiezione. Con questa campagna di sensibilizzazione voluta dall'assessore Claudio Battisti intendiamo spingere i cittadini verso comportamenti più virtuosi nell'interesse di tutti "
     
     

    Il Carnevale Panizaro è «vichingo»

     
    A Caldonazzo si è svolto ieri, ultima domenica di carnevale, la 39a edizione del carnevale «Panizaro», da sempre condotta da Bepi Toller che nel 1973 ne fu il promotore assieme ad alcuni amici della sezione Sat, e che anche quest’anno è stata organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con le varie associazioni locali. L’allegro pomeriggio è iniziato con la sfilata delle maschere, seguita da un trattenimento musicale da parte del Corpo Bandistico di Caldonazzo. Poi il momento più atteso, quello della sfilata dei carri allegorici che quest’anno provenivano dalla stessa Caldonazzo e da Vigolo Vattaro. Cinque in tutto che hanno rallegrato la grande piazza Municipio, gremita da oltre duemila persone, venute anche da diversi altri paesi della Valsugana.

     Leggi il resto...

    Un bilancio a prova di Imu

    Giorgio Schmidt presenta un documento con buon piano d’investimenti nonostante le stangate

    CALDONAZZO «È un bilancio che ci permette di mantenere un livello adeguato dei servizi», così il sindaco di Caldonazzo Giorgio Schmidt presenta il documento di previsione 2012, che assieme al bilancio pluriennale 2012-2014, verrà presentato al prossimo consiglio comunale per l’approvazione. Il bilancio 2012 pareggia sulla cifra di 5.126.325 euro. «Caldonazzo si conferma Comune virtuoso, con una spesa in linea con gli standard fissati dalla Provincia osserva il sindaco e grazie agli introiti degli impianti fotovoltaici, realizzati l’anno scorso su quattro edifici pubblici (quasi 50 mila euro), oltre all’aumento delle entrate derivanti dai parcheggi in zona lago, dallo scorso anno gestiti direttamente dal Comune (circa 40 mila euro), riusciamo a far fronte al taglio dei trasferimenti provinciali e dell’Ici. Se a questo aggiungiamo lo sforzo sul contenimento delle spese, con la giunta che si è ridotta lo stipendio del 20%, abbiamo un buon equilibrio».
    Ma non sarà un passaggio indolore quello che aspetta l’aula ai primi di marzo: contestualmente al bilancio la giunta porterà in consiglio le tariffe della nuova imposta Imu. «Non ci saranno ritocchi rispetto alle aliquote fissate dal governo osserva Schmidt -, ma si tratta in ogni caso di un salasso per le famiglie, senza alcun beneficio per le casse comunali, visto che il 50% va direttamente allo Stato». Il sindaco Schmidt anticipa i contenuti del programma d’investimenti. Buone notizie: stanno per essere affidati i lavori del
    nuovo arredo urbano (fioriere, panchine, lampioni e tome), per 100 mila euro, finanziati all’80% sulla legge provinciale per la valorizzazione delle attività commerciali dei centri storici. Sta per partire anche la sistemazione di via Roma (nuovo marciapiede, asfaltatura e illuminazione): un progetto da 250 mila euro interamente a carico del bilancio comunale. Tempi più lunghi invece per il nuovo centro diurno per gli anziani che dovrebbe essere realizzato al piano terra dell’albergo Giardino, in centro paese; la domanda di finanziamento è in Provincia: servono 500 mila euro.
    (l’Adige 15 febbraio 2012)Leggi il resto...

    Tomasini al lavoro su variante al Prg e Vas

    È l'ingegner Mariano Tomasini di Borgo il commissario ad acta nominato dalla Provincia per l'approvazione della variante generale al Prg, integrato con la Vas, il documento di valutazione ambientale strategica. L'iter della variante aveva subito un brusco stop dopo le dichiarazioni di incompatibilità rese in aula da 7 consiglieri di maggioranza (sindaco compreso) nella seduta del novembre scorso. «La Vas era un documento non contemplato dalla precedente amministrazione - spiega il sindaco Schmidt -, nel frattempo erano cambiate anche le normative e la Provincia aveva richiesto che la variante fosse integrata con la Vas. Stante l'incapacità del consiglio comunale di procedere alla sua approvazione, tutto si era fermato e si era proceduto alla richiesta di nomina del commissario ad acta». L'ingegner Tomasini è responsabile tecnico della Comunità Bassa Valsugana e Tesino, e aveva già seguito una variante del Prg di Caldonazzo. Tomasini è già al lavoro per superare le criticità emerse nel documento di variante che ridisegna lo sviluppo complessivo del territorio, legate agli aspetti del consumo del suolo agricolo, alla verifica delle dimensioni residenziali e delle superfici a servizi nonché alle previsioni in zona agricola di pregio del Pup. «Ora speriamo che l'iter della variante prenda un nuovo abbrivio - conclude il sindaco - per riuscire a dare quelle risposte che i cittadini attendono da anni».


    Ezio Ciola tra i volontari della cultura trentina

    Si è svolta venerdì 10 febbraio 2012 al PalaRotari di Mezzolombardo la premiazione dei volontari che per un periodo di almeno 50 anni si sono spesi con entusiasmo e passione in ambito associativo nel settore della Cultura.

     

    A conclusione del 2011, proclamato dal Consiglio dell'Unione Europea Anno europeo del Volontariato, l'Assessorato provinciale alla Cultura ha ritenuto doveroso riconoscere pubblicamente il merito delle persone che, attraverso un lungo e generoso impegno profuso in seno alle varie realtà associative, hanno dato il loro contributo alla diffusione e alla valorizzazione della cultura trentina nelle sue varie espressioni. Hanno ricevuto il riconoscimento ufficiale circa 200 persone giunte da tutto il Trentino.
     
    Alla presenza dell'Assessore provinciale Franco Panizza e del sindaco Giorgio Schmidt è stato premiato, unica persona di Caldonazzo, il Sig. Ezio Ciola del Corpo bandistico di Caldonazzo
     

    Ecco alcune foto della manifestazione  allietata dal gruppo musicale "Abies Alba" e da Andrea castelli che ha proposto una sintesi del suo ultimo monologo "Trentini & Trentoni"

    Gruppo Pensionati ed anziani "G.B. Pecoretti"


    Domenica 5 febbraio 2012 si è tenuta l’assemblea straordinaria del Gruppo Pensionati ed anziani "G.B. Pecoretti" presso l'albergo Gilda. Oltre un centinaio gli anziani di Caldonazzo, soci del Circolo, che si sono ritrovati in assemblea per decidere alcune modifiche statutarie. Dopo la S. Messa nella Chiesa parrocchiale, presieduta dal Decano Don Ernesto Ferretti, che nella sua omelia ha ricordato il grande dono della Vita, il gruppo si è trasferito appunto presso l'albergo Gilda per il pranzo sociale. Presenti il Presidente Giuseppe Conci e tutta la Direzione, il Parroco Don Silvio, il Sindaco Giorgio Schmidt e numerosi soci e socie alcune delle quali hanno superato abbondantemente quota novanta. Per l'occasione sono stati premiati alcuni soci che si sono maggiormente impegnati in passato per far nascere e crescere il Circolo portandolo ai prestigiosi traguardi odierni.

    A Caldonazzo i luoghi storici del commercio

    RICONOSCIMENTO ED ATTRIBUZIONE DELLA QUALIFICA DI LUOGO STORICO DEL COMMERCIO AL COMUNE DI CALDONAZZO. AUTORIZZAZIONE ALL’UTILIZZO DEL RELATIVO MARCHIO.

    Il Servizio Commercio e Cooperazione della Provincia Autonoma di Trento, con determina del dirigente n. 10 del 23 gennaio 2012 ha riconosciuto la qualifica di luogo storico del commercio al perimetro individuato dal Comune di Caldonazzo. Ciò permetterà al Consorzio Centriamo Caldonazzo di ottenere i finanziamenti provinciali richiesti per le attività di promozione e valorizzazione da esso programmate. Ecco il testo del provvedimento:

    DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE N. 10 DI DATA 23 Gennaio 2012

    O G G E T T O:
    Deliberazione n. 539 del 25 marzo 2011 allegato A) parte integrante: riconoscimento e attribuzione della qualifica di luogo storico del commercio al Comune di Caldonazzo. Autorizzazione all'utilizzo del relativo marchio.

    IL DIRIGENTE
    - vista la legge provinciale 30 luglio 2010, n. 17 “Disciplina dell’attività commerciale” ed in particolare l’articolo 63, comma 2;
    - vista la deliberazione della Giunta provinciale n. 539 del 25 marzo 2011 e il relativo allegato A parte integrante contenente i criteri per l’individuazione e il riconoscimento dei luoghi storici del commercio;
    - vista la domanda del Comune di Caldonazzo del 13 dicembre 2011, pervenuta il 28 dicembre 2011, con la quale ha chiesto il riconoscimento e la qualifica di “luogo storico del commercio” del perimetro individuato nella planimetria allegata;
    - vista la deliberazione della Giunta comunale n. 229 del 22 novembre 2011, con l’allegata relazione illustrativa; visti altresì gli elenchi dei pubblici esercizi, degli esercizi di commercio al dettaglio in sede fissa e dei mercati su area pubblica presenti attualmente nella zona perimetrata;Leggi il resto...

    “Ma di chi è il Lago di Caldonazzo?”

    Risposta all’interrogazione n. 2903 presentata al Consiglio provinciale in data 3 maggio 2011 dal consigliere Anderle.
    Con riferimento all’interrogazione in oggetto “Ma di chi è il Lago di Caldonazzo?”, prima di affrontare i punti posti dall’interrogante si premette una sintesi dei fatti relativi alla delimitazione del lago di Caldonazzo ed ai contenziosi in atto.
    La delimitazione del lago di Caldonazzo.
    . a)  Con deliberazione della Giunta provinciale n. 77 del 9 gennaio 1976 veniva fissata a m. 448,92 sul livello del mare la quota di piena ordinaria delle acque del lago di Caldonazzo. La determinazione di tale quota teneva conto, in particolare, dell’attività istruttoria precedentemente svolta dai competenti uffici statali.
    . b)  Nel corso del 1977 venivano materialmente apposti i caposaldi o cippi di livellazione sulla sponda del lago, al fine di segnalare planimetricamente in sito la linea di piena ordinaria dello specchio lacustre ovvero l’estensione dell’alveo del bacino idrico in condizioni “ordinarie”, superabili in caso di fenomeni di piena con frequenza di accadimento di circa 5 – 10 anni. Pertanto, la linea di piena ordinaria, costituente il limite idraulico, non necessariamente coincide con il limite della proprietà demaniale.
    c) Con deliberazione della Giunta provinciale n. 9274 del 19 ottobre 1979 si procedeva alla delimitazione del lago di Caldonazzo, secondo la procedura di cui all’articolo 5, allora vigente, della legge provinciale 8 luglio 1976 n. 18 (Norme in materia di acque pubbliche, opere idrauliche e relativi servizi provinciali), avuto riguardo:
    - alla quota di piena ordinaria, disposta con la deliberazione della Giunta provinciale citata sub lett. a); - alle proprietà già da tempo demaniali, trasferite dallo Stato alla Provincia ed iscritte al Libro Fondiario come "Bene pubblico demaniale Provincia Autonoma di Trento - Ramo Acque".Leggi il resto...

    Arriva il Commissario per l'adozione della variante al Prg

    ARRIVA IL COMMISSARIO PER L’ADOZIONE DELLA VARIANTE AL PIANO REGOLATORE GENERALE, INTEGRATA CON IL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE STRATEGICA AMBIENTALE.

    La Giunta Provinciale ha trasmesso in data 12 gennaio 2012 al Comune di Caldonazzo il provvedimento prot. N. S110/11/755718/8.4.3/72-11 adottato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 23 dicembre 2011 che integralmente riportiamo:

    Il Vicesindaco del Comune di Caldonazzo, con nota del 23.09.2011, prot. 6249, assunta al protocollo del Servizio autonomie locali in data 27.09.2011, aveva richiesto la nomina del commissario ad acta per l’adozione del documento di valutazione strategica ambientale, documento integrativo del piano regolatore generale secondo le indicazioni fornite al Comune dal Servizio Provinciale competente in materia urbanistica con nota del 13.07.2010 prot. 5869;

    con nota del 24.10.2011, prot. 620214, il Servizio autonomie locali rilevava tuttavia al Comune l’impossibilità di procedere all’adozione del documento, in via sostitutiva, per mancanza dei presupposti previsti dall’art. 82 del D.P.Reg. 1 febbraio 2005, n. 3 ed invitava l’Amministrazione comunale a verificare se il Consiglio comunale eletto dopo la tornata elettorale del maggio 2010 avesse proceduto alla verifica puntuale delle posizioni di interesse rispetto all’intero documento di piano, e non solo ad una sua parte, alla luce delle indicazioni fornite dal servizio autonomie locali con circolare n. 3 del 09.02.2010;Leggi il resto...

    A Movin' Sound il Torneo della Befana


    È finita nel migliore dei modi la 12a edizione del Torneo della Befana, torneo di calcio a 5 riservato alle Associazioni di Caldonazzo, organizzato dal Gestore del Palazzetto in collaborazione con il Comune di Caldonazzo.
      Venerdi 6 gennaio 2012, davanti ad un foltissimo pubblico si sono svolte le finali, nel pomeriggio si è svolta la sfida per gli ultimi tre posti tra la Sat, i Pompieri e la Banda, a seguire l'Audace batteva per 4 - 3 l' Associazione Cavene Ancor portando a casa il 5° posto. Poi toccava al Dragon Sport guadagnare il terzo posto battendo La Sede per 5 - 4, tornando sul podio dopo alcuni anni di digiuno. Infine la finalissima giocata dall’associazione Cacciatori contro i Movin’ Sound: dopo due combattutissimi tempi terminati sul punteggio di 3 - 3 si è passati ai calci di rigore che hanno premiato la squadra dei musicisti Movin’ Sound, grazie anche al suo portiere che ha parato due rigori.
    Terminate le gare, il Sindaco di Caldonazzo Giorgio Schmidt  premiava le nove squadre partecipanti, il capocannoniere con 17 reti Libardi Andrea e il miglior portiere Rizzato Cristian, ringraziava poi il signor Fabio Ghesla Gestore del Palazzetto, l'Assessore allo Sport Battisti Claudio ed il consigliere Curzel Michele per l' ottima organizzazione e l' associazione Avis per la distribuzione gratuita ai partecipanti dei panini con wurstel,  rinnovando a tutti l' invito per la prossima edizione.
    Infine si ringraziano le Cantine Ferrari e la Cooperativa di Caldonazzo per la fornitura gratuita dei magnum regalati a tutte le squadre.
    Si ricorda che il torneo della Befana è uno dei tanti tornei sportivi organizzati nel Comune di Caldonazzo, è un momento di aggregazione che vede partecipare tantissimi giovani ma non solo, erano infatti oltre 400 le persone presenti sugli spalti a fare il tifo per le varie squadre che così si ritrovano assieme per dare il proprio contributo all'interno dell'associazionismo Caldonazzese.

    Ripartire dalla fiducia dei cittadini

    Viviamo tutti una grande preoccupazione per la situazione economica e per il futuro di tutti. Il cambio di governo fa sperare, ma occorre un sussulto etico e morale da parte delle comunità e più sobrietà da parte della politica.

    Questi ultimi mesi del 2011 sono caratterizzati dal dibattito sulle problematiche economiche. Giornali e TV parlano di crisi dell’euro, spread, tassi, manovre, rischi, baratri, default e, purtroppo, sembrano tutti intenti a spettacolarizzare i cambiamenti in atto più che farne un’analisi delle cause e delle prospettive. Tra le persone c’è forte preoccupazione per la situazione economica e per il futuro; i giovani non vedono prospettive per il loro avvenire. Le famiglie monoreddito, quelle monocomponente, i lavoratori del settore privato, gli anziani, si sentono più a rischio degli altri; la paura del futuro contrae i consumi giornalieri, blocca gli investimenti e così ci riscopriamo tutti più formiche e meno cicale. Questo danneggia i settori produttivi: il commercianti, gli artigiani e gli imprenditori vendono meno, guadagnano meno e quindi riducono, licenziano, chiudono. È un circolo vizioso da cui è difficile uscire. Il cambio di Governo è stato salutato come un successo, ma i problemi da allora non sono cambiati. Le difficoltà contingenti per la gente comune sono tante e di difficile soluzione. In molti vengono dal Sindaco a chiedere un aiuto economico, una stanza in affitto, un lavoro anche saltuario, a volte solo una buona parola per ottenere un prestito in banca, un consiglio per il figlio disoccupato.

    In questi anni non si è sgretolata soltanto l’economia del Paese, si è sbriciolata soprattutto la fiducia dei cittadini. Ricomporla, con un sussulto etico e morale è un compito ancora più difficile che risanare le vuote casse dello Stato. Non sarà facile risvegliare le coscienze e far capire che dobbiamo rimboccarci le maniche; è finito il tempo di ostentazione di benessere e lusso, veline, lustrini e festini. Del nuovo Governo, i cittadini hanno apprezzato subito lo stile austero e sobrio, la serietà e la compostezza, ben sapendo che i provvedimenti saranno inequivocabilmente una batosta.


    È uno stile che va applicato anche alla politica dalle nostre parti, più sobrietà e concretezza, meno sfarzo e sontuosità, rinuncia ai privilegi, riduzione dei costi dell’apparato. Ma siamo proprio sicuri che per amministrare i poco più di 530mila abitanti della nostra Provincia ci vogliono: la Regione Trentino Alto Adige, la Provincia Autonoma di Trento, 16 Comunità di Valle, 217 Comuni, dei quali solo 27 sopra i 3000 abitanti, 12 circoscrizioni a Trento e 7 a Rovereto. Tutti con i loro Presidenti, Giunte, Consiglieri, Segretari, Revisori, ecc.. Un forte dimagrimento servirà pure a poco per il bilancio pubblico, ma sarebbe certamente un buon segnale, un gesto auspicato ormai da gran parte dei cittadini, anche alla luce dei sacrifici che saranno chiesti per il salvataggio del Paese.

    E veniamo a noi. Anch’io non voglio sottrarmi alle tematiche economiche comunali di fine anno. Dico subito che il bilancio del Comune non ha subito, fino ad ora, tagli drastici nonostante i proclami di guerra dei giornali. La Provincia ha tagliato i trasferimenti correnti ai Comuni di un modesto 2% nel 2011 ed un altro 2% è previsto nel 2012, che per Caldonazzo significano circa 40mila euro all’anno in meno.Leggi il resto...

    Il consiglio comunale dei ragazzi



    Anche gli scolari delle elementari di Caldonazzo avranno il loro pedibus. Che è «una specie di autobus che va a piedi», spiega Riccardo uno dei due scrutatori designati nel consiglio comunale dei bambini. Sono stati già individuati dall’amministrazione comunale quattro percorsi che dovrebbero partire da via Roma, dalla stazione, da Villa Center e dalla zona vicino la chiesa. Solo un progetto per ora, da mettere a punto nei dettagli con genitori e insegnanti, e che sarà sperimentato agli inizi
    della prossima primavera, naturalmente previa adesione di volontari disposti ad accompagnare lungo il percorso pedonale gli scolari.
    Oggi Caldonazzo ha fatto sedere nuovamente sullo scranno del sindaco una rappresentante del gentil sesso. È Anna (nella foto con il sindaco), una delle bambine delle quinte classi intervenute in consiglio, per nulla timida e con gli occhi che sprizzano allegria, scelta dai compagni per alzata di mano. Investita ufficialmente della carica di primo cittadino con il passaggio
    della fascia tricolore dal sindaco Giorgio Schmidt, la piccola ha indossato i colori istituzionali con disinvoltura dalla spalla destra fino alle caviglie.



    Bambini attenti sui temi del risparmio energetico, presentati dal vicesindaco Matteo Carlin, ad iniziare dal fotovoltaico (l’amministrazione ha investito 35 mila euro per pannelli che coprono la scuola, il municipio, il bocciodromo e casa Boghi) per finire con la centralina idroelettrica che attingerà dalla sorgente Acquetta e sarà realizzata all’altezza di
    Maso Bagiani. Attenzione che non s’è allentata nemmeno quando l’assessore Rolando Pola ha illustrato le buone consuetudini per la raccolta differenziata dei rifiuti.
    A proposito di rifiuti la domanda di Chiara, dalla sala, è arrivato dritta dritta all’indirizzo dell’assessore Claudio Battisti: «Perché non pulite le cacche dei cani dal marciapiede?» L’interessato ha risposto rassicurando: «Ho ordinato trentacinque cartelli plastificati da affiggere con l’invito ai padroni maleducati dei cani di essere più civili». (N.B. - l’Adige del 16 dicembre 2011)

    Ex Caseificio: il regolamento d'utilizzo

    REGOLAMENTO
    SULL’UTILIZZO DELLE SALE COMUNALI SITE NELL’EX CASEIFICIO



    Art. 1
    (Ambito di applicazione)


    Il presente regolamento disciplina l’utilizzo delle sale di proprietà comunale site presso l’ex caseificio, identificato dall’Amministrazione comunale come il polo della cultura del Comune di Caldonazzo.

    Art. 2
    (Aventi diritto)

    L’utilizzo delle sale di cui all’Art. 1 è riservato, in via prioritaria, alle riunioni ed alle manifestazioni organizzate o patrocinate dall’Amministrazione Comunale.
    L’utilizzo delle sale è altresì consentito per iniziative di interesse culturale e collettivo promosse da altri enti pubblici, associazioni o soggetti privati, con priorità per quelli/e aventi sede legale o operativa nel Comune di Caldonazzo, in base alle condizioni ed alle modalità stabilite negli articoli che seguono.

    Leggi il resto...

    "DIRE FARE PARTECIPARE" 3

    Questo è il terzo incontro con la cittadinanza che gli Amministratori di Caldonazzo terranno martedi 6 dicembre 2011  alle ore 20,30 nella sala Marchesoni di Casa Boghi, per fare il punto sull'operato fin qui svolto.
     
    Siamo tutti invitati a presenziare all'incontro.

    Ricordo dei Caduti di tutte le Guerre

    Il 6 novembre si è volta la tradizionale cerimonia di commemorazione dei Caduti di tutte le Guerre. Dopo la funzione religiosa, sul piazzale della Chiesa, il Sindaco ha pronunciato il discorso che riportiamo di seguito. Presenti anche il Gruppo Alpini e il Corpo Bandistico di Caldonazzo.

    “Carissimi concittadini,
    anche quest’anno con grande commozione e partecipazione insieme a tutti voi commemoriamo questa giornata dedicata ai caduti di tutte le guerre. Ricordare e commemorare i nostri cari caduti in guerra e tutti coloro che hanno dato la loro vita in missioni di pace è per noi il dovere più grande che possiamo rendere per fare in modo che il loro sacrificio non sia stato vano.  Il ricordo dei caduti di tutte le guerre rafforza in noi la convinzione che è necessario lavorare insieme, superare gli antagonismi per non ripetere mai più gli errori del passato.
    I nomi dei caldonazzesi caduti e scritti su questo monumento, ai quali oggi rendiamo il massimo onore, sono per noi il monito a costruire una società più giusta, una società di pace e di lavoro ed il loro esempio ci sia sempre di guida per progettare un futuro di speranza per le giovani generazioni. In questi tempi difficili dove vengono meno le certezze, dove vanno in crisi i valori essenziali della vita, dove perdono di significato parole come fede, famiglia, lavoro, rispetto reciproco, è necessario coltivare il seme della speranza per dare ai giovani la certezza che costruire un futuro migliore è ancora possibile.
    L’estremo sacrificio dei caduti in tempo di guerra e di pace, ci faccia riflettere, in tempi come questi, dove sprechiamo e calpestiamo ogni giorno il grande dono della vita e ci aiuti a ritrovare il rispetto per il prossimo e la tolleranza per i diversi, perché siamo tutti uomini e donne in cammino su questa terra verso un comune destino.
    Mi sembrano oggi particolarmente significative le parole che papa Benedetto XVI pronunciò in occasione della Giornata Mondiale della Pace ad Assisi. Ricordando in primo luogo le sofferenze dei tanti bambini toccati dalla guerra in molte parti del mondo il papa ha detto: “dobbiamo convertirci a progetti di pace, deporre le armi di ogni tipo ed impegnarci tutti insieme a costruire un mondo più degno dell’uomo; i volti dei piccoli innocenti sono un appello silenzioso alla nostra responsabilità”.
    Oggi amici tocca a noi raccogliere questo grido di dolore e farci tutti costruttori di pace, incominciando da ogni semplice gesto quotidiano.”
    Giorgio Schmidt




    Lochere: un museo fatto da 200 moto

    Espone, tra 211 motociclette, anche 10 esemplari unici al mondo e in una sala gli aficionados possono trovare varie moto che sono state messe sul mercato in numero che va dalle 20 alle 300 unità. Tutti i telaisti europei hanno almeno una moto in questo museo. E tra le chicche, se proprio servisse, c'è anche la 750 da competizione con cui Barry Sheene si laureò campione del mondo. Un museo della moto, unico nel suo genere, che verrà inaugurato ufficialmente oggi alle 16 e che non si trova al centro di Manhattan ma alle Lochere di Caldonazzo. Tra le autorità oggi alle Lochere, l'imbocco della Kaiserjäger-Straße che porta sugli Altipiani, ci sarà anche il vicepresidente della Federazione motociclistica italiana Massimo Mita .
    E i rappresentati dei moto club del Trentino che sono tanti, quasi una quarantina per un numero totale di soci che sfiora i 1.500. Entriamo al museo e dentro incontriamo i due mattacchioni che hanno creato questa avventura. Sono Paolo Fraizingher e Sergio Lorenzini , presidente e vice del Moto Club Levico Terme, in nome del quale gestiscono la struttura. Il primo ha alle spalle una vita da meccanico, di moto e auto, mentre il secondo ha una azienda di lattoneria. «Da ragazzo avevo, certo, la moto - sorride Fraizingher - e poi ho fatto anche un po' di motocross». Lorenzini invece ha pure corso, velocità in salita e pista.



    «Agli albori ho avuto occasione di gareggiare anche a fianco di Loris Capirossi e sono amico di tanti campioni». Tanto che anche Marco Lucchinelli ha già visitato questo museo, durante il lungo periodo di gestazione. Come è nata l'idea di creare una struttura così impegnativa? Lorenzini aveva un mini museo in casa, una ventina di moto. Fraizingher ne aveva 5 o 6 «ma il problema era un altro, come iniziare». I due "ragazzi di un tempo" per questo tipo di manufatti hanno comunque un certo feeling storico. Il loro Moto Club nel 2000, e fino al 2005, aveva ripreso l'organizzazione della gara in salita Trento-Bondone che da 17 anni non si correva più. Prima, nel 1988, avevano iniziato a mettere in campo la Levico-Vetriolo, esperienza chiusa solo nel 2009. «Era troppo oneroso per noi continuare e così abbiamo pensato al museo». La struttura è già conosciuta da molti amatori perché in pratica è pronta dal 2010, anche se sarà inaugurata solo oggi. Un'area espositiva di 1.000 metri quadri, di proprietà della famiglia Paoli che proprio di fronte ha lo storico hotel e antica trattoria "alla Vedova". Leggi il resto...

    Successo per l'autolettura dei contatori

    Le schede con l'autolettura del consumo di acqua potabile pervenute negli uffici comunali a fine ottobre, sono circa 900 su 1.800 utenze complessive. Un grande successo ottenuto grazie all'aiuto dei cittadini.
    La settimana prossima inizierà il lavoro di lettura dei contatori di coloro che non hanno consegnato la scheda o di coloro che hanno fornito dati non in linea con le letture degli anni precedenti.
    Gli addetti del cantiere comunale avranno però molto meno utenti da visitare e ciò grazie alla collaborazione dei cittadini.
    L'Amministrazione Comunale è molto soddisfatta del risultato ottenuto anche in considerazione che l'avvio della procedura di autolettura veniva introdotta per la prima volta a titolo sperimentale.
    Giorgio Schmidt
     

    Schiuma sul lago: un fenomeno naturale

    Buongiorno,
    sono stata ospite del Vs. stupendo territorio per questo fine settimana assieme ad un gruppo di 60 persone praticanti la tecnica del Nordic Walking, per cui abbiamo ammirato a piedi sia il Lago di Levico sia il Lago di Caldonazzo.
    Giunti però nel territorio da Lei amministrato ci siamo scontrati con una realtà che speravamo vivamente non appartenesse a queste zone così belle, così turistiche e che, spesso, usano l'ambiente sano come bandiera di rappresentanza.
    Ebbene sì quelle sponde del Lago di Caldonazzo piene di schiuma sono state proprio indigeste, tristi, desolanti e amare.
    Accetti il mio sfogo.
    Le auguro buon lavoro.
    Tiziana Alessi

    Gentile Sig.ra Alessi,
    con riferimento alla Sua nota circa la schiuma presente sulle sponde del Lago di Caldonazzo, La informo che il fenomeno è del tutto naturale. Si tratta della presenza di Dafnie, piccoli crostacei, abitatori di acque dolci prevalentemente non correnti, che in questo periodo, a causa del repentino abbassarsi delle temperature producono una forte muta con rilascio di residui di natura chitinosa che associati al forte vento dei giorni scorsi hanno prodotto la schiuma che Lei ha visto sulla rive. Il fenomeno è già stato osservato anche negli anni scorsi.
    Come può notare dalla Nota dell'Agenzia Provinciale per la Protezione dell'Ambiente, che Le allego per Sua tranquillità, il fenomeno ha origini naturali ed è del tutto escluso qualsiasi agente inquinante.
    La Natura a volte gioca qualche scherzo, in ogni modo, continueremo a vigilare affinchè il nostro bellissimo Lago rimanga integro e naturale per la gioia dei residenti e turisti.
    La saluto cordialmente
    Giorgio Dott. Schmidt
    Sindaco

    Segue nota dell’Appa - Pat
    Leggi il resto...

    Incontro pubblico sul Tunnel di Tenna

    Fotovoltaico on-line sul sito del Comune

    Dal 4 ottobre 2011 i dati di produzione degli impianti fotovoltaico installati sui tetti dei principali edifici comunali sono a disposizione di tutti sul sito web del Comune alla pagina http://www.comune.caldonazzo.tn.it/impianti-fotovoltaici.php
    L'Amministrazione Comunale di Caldonazzo ha inteso rendere pubblici i principali dati di produzione nell'ottica di una migliore trasparenza e per una maggiore sensibilizzazione dei cittadini sui problemi ambientali e delle energie rinnovabili.
    Per ogni impianto sono indicate la potenza, la data di installazione, la produzione giornaliera e quella totale dall'inizio installazione.
    È inoltre indicato il controvalore economico per il Comune unitamente ad un grafico sull'andamento giornaliero.
    È inoltre presente il riassunto di tutti gli impianti comunali.

    Abusi edilizi associazioni. Interrogazione n.6

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…


    OGGETTO: presunti abusi edilizi associazioni.

    In relazione all’interrogazione in oggetto si corrisponde quanto di seguito:

    - Una segnalazione molto circostanziata di presunti abusi edilizi è stata recapitata in forma scritta all’Amministrazione in data 16 febbraio 2011. Come da regolamento non è stata protocollata in quanto anonima. Però poiché la segnalazione si riferiva a risvolti penali, sono stati disposti gli accertamenti di legge. Agli interessati è stata inviata una comunicazione scritta riportante, con congruo anticipo, il giorno e l’ora nel quale gli addetti comunali risarebbero recati sul posto per un sopralluogo.
    - Un soggetto interessato al procedimento di controllo, attivato a seguito della segnalazione in argomento, si è presentato negli uffici dell’Amministrazione chiedendo, fra l’altro, se era possibile lo spostamento del termine indicato, cosa che è stata subito negata. A specifica domanda dello stesso è stato comunicato l’elenco delle ditte della zona qualificate per lo smaltimento di rifiuti.
    - In relazione a quanto sopra sono stati emessi i seguenti provvedimenti:
    1. Comunicazione ai sensi dell’art. 123 della L.P. 4 marzo 2008, n. 1 prot. 4191 di data 16 giugno 2011 per sopralluogo sulla p.f. 1981/1 in C.C. Caldonazzo.
    Esito negativo.
    2. Comunicazione ai sensi dell’art. 123 della L.P. 4 marzo 2008, n. 1 prot. 5583 di data 18 agosto 2011 per sopralluogo sulla p.f. 1980 in C.C. Caldonazzo.
    Esito negativo.
    3. Comunicazione ai sensi dell’art. 123 della L.P. 4 marzo 2008, n. 1 prot. 5447 di data 11 agosto 2011 per sopralluogo sulla p.f. 1978/4 in C.C. Caldonazzo.
    Esito negativo.
    4. Comunicazione ai sensi dell’art. 123 della L.P. 4 marzo 2008, n. 1 prot. 4193 di data 16 giugno 2011 per sopralluogo sulla p.f. 1978/5 in C.C. Caldonazzo.
    Emessa ingiunzione di rimessa in pristino in data 18 luglio 2011.

    A disposizioni per ulteriori chiarimenti si porgono distinti saluti.

    IL SINDACO
    dott. Giorgio Schmidt

    Acque bianche Prai Castel. Interrogazione n.5

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…
    OGGETTO:
    Interrogazione su problematiche smaltimento acque bianche su strada comunale p.f. 5255/2 loc. Prai dei Castel.

    In relazione all’interrogazione in oggetto citata si corrisponde quanto di seguito:

    - E’ assodato che il ruscellamento delle acque dalla strada p.f. 5255/2 ha causato più volte allagamenti in edifici privati ed in taluni casi il deflusso delle acque ha interessato le vie del paese, in particolare Via della Polla causando seri rischi per la sicurezza della circolazione oltre a danni alla pavimentazione stadale; oltre alle segnalazioni dei privati cittadini, anche i Vigili del Fuoco hanno relazionato numerose volte in merito e chiesto all’Amministrazione di intervenire con opere adeguate.
    - Il fenomeno si è acutizzato in tempi recenti per una serie di cause. Le acque del monte Rive, che un tempo correvavano nella piana della Valle del Centa, a seguito dell’urbanizzazione dell’area pedemontana ed all’azione dei proprietari degli edifici che ne impediscono il deflusso naturale, si concentrano sulle strade comunali e nella zona dei “Prai del Castel” che costituisce un naturale catino di decantazione. A ciò si aggiunga che sulle pp.ff. 989/1 e 989/4 sono stati autorizzati, con Concessione Edilizia n. 151/08 di data 3 luglio 2008, lavori di modifica dell’andamento naturale del terreno con la conseguenza che anche in tale area le acque piovane seguono un nuovo corso.
    - I lavori di costruzione di un dispersore in quella zona sono stati programmati da tempo e costituiscono, dopo i lavori già eseguiti in Località Valle (dietro il Villa Center) e quelli in programmazione in Val Granda (Via Prati), la messa in sicurezza delle acque che scendono dal Monte Rive verso il centro abitato.
    - Il dispersore è stato realizzato nella posizione più vantaggiosa possibile ovvero a valle per captare la maggior quantità d’acqua possibile e nel contempo per intercettare i strati di terreno permeabile. Una perizia geologica infatti, eseguita dall’ing. _______, evidenzia lo strato poco permeabile della roccia del Monte Rive e consiglia la realizzazione dell’opera su materiale ghiaioso del letto del Centa.
    - Per tali interventi non è stato necessario adire a procedura d’urgenza; inoltre l’entità e la natura della spesa non consente di chiedere contributi alla P.A.T..
    - La soluzione progettuale adottata, anche in funzione di sgravare il collettore comunale dall’apporto di ulteriori quantità d’acqua, è stata ritenuta l’unica possibile. In zona sono stati realizzati dispersori con caratteristiche simili con ottimi risultati.
    - Risulta all’Amministrazione comunale che anche il proprietario della Magnifica Corte Trapp, si sia già attivato per quanto di competenza, ed abbia richiesto l’autorizzazione per realizzare opere idrauliche per lo smaltimento delle proprie acque piovane ad integrazione dell’intervento del Comune.

    A disposizioni per ulteriori chiarimenti si porgono distinti saluti.

    IL SINDACO
    dott. Giorgio Schmidt

    Parcometri. Interrogazione n.4

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…

    OGGETTO: Interrogazione sui parcometri.

    Con riferimento all’interrogazione di data 12.09.2011 relativa all’oggetto si precisa quanto di seguito:
    1. in data 24 marzo 2011 l’Amministrazione comunale ha comunicato a Trentino Mobilità l’intenzione di gestire direttamente il servizio di sosta a pagamento poiché insoddisfatta dei ricavi devoluti per tale servizio che erano risultati per l’anno 2010 pari ad € 6.159,97.
    2. l’Amministrazione comunale ha ritenuto di procedere all’acquisto di 4 parcometri dalla Società Trentino Mobilità S.p.A., precedente affidataria del servizio di gestione dei parcheggi a pagamento, per il corrispettivo complessivo di € 15.820,00 + IVA, incaricando la stessa della formazione e dell’assistenza telefonica per il corrispettivo di € 660,00.
    Trattandosi di spesa in conto capitale la stessa è stata legittimamente finanziata con l’avanzo dell’Amministrazione 2010.
    3. La scelta operata dall’Amministrazione in termini economici e di gestione si è rivelata molto positiva per le casse comunali, poiché a fronte di € 6.159,97 percepitii nel 2010, alla data del 05.09.2011 il Comune ha incassato nella gestione diretta € 31.041,86 ai quali vanno aggiunti € 11.400,00 derivanti dalla quota di gestione del parcheggio antistante la spiaggia Al Pescatore gestita in accordo con il Comune di Calceranica al Lago.
    4. Si è valutato l’onere, peraltro ridotto, della manutenzione dei parcometri a fronte del dimostrato beneficio della gestione diretta con l’incasso che risulta utile per la difficile situazione corrente del bilancio.
    5. Il controllo è stato affidato al Servizio Vigilanza Urbana il quale ha elevato n° ______ contravvenzioni per violazioni all’obbligo di pagamento dei parcheggi.
    6. Non vi sono state segnalazioni o lamentele circa l’ubicazione dei 4 parcometri quindi non si ravvisano esigenze di una modifica della collocazione degli stessi. Una valutazione complessiva dell’intera questione verrà effettuata dall’Amministrazione comunale al termine della stagione estiva ed una volta in possesso dei dati conclusivi del servizio.

    Distinti saluti.
    IL SINDACO
    - dott. Giorgio Schmidt –

    Stato attuale Asilo Nido. Interrogazione n.3

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…


    OGGETTO: Interrogazione sullo stato attuale Asilo Nido.

    Con riferimento all’interrogazione di data 12.09.2011 relativa all’oggetto si fa presente quanto di seguito:

    con richiesta di data 21.03.2011 prot. nr. 1872 è stata chiesta alla Provincia Autonoma di Trento l’ammissione al finanziamento sul fondo di riserva inerente il progetto definitivo di realizzazione dell’asilo nido per l’importo complessivo di € 963.550,60.

    A tutt’oggi la Giunta provinciale non ha comunicato la concessione del finanziamento richiesto ed a seguito di vari colloqui e approfondimenti con l’assessore provinciale e con i funzionari della P.A.T. si è appresa la indisponibilità attuale del fondo di riserva.

    Peraltro risulta che all’interno del fondo unico territoriale (FUT) dell’importo globale di circa 300 milioni di Euro, la PAT si è riservata una quota di circa 90 milioni di Euro appositamente finalizzata al finanziamento dell’edilizia scolastica e degli asili nido, mentre la restante parte verrà trasferita alle Comunità di Valle che dovranno definire i criteri di assegnazione.

    Al momento, poiché trattasi di novità legislative del mese di agosto 2011, non è ancora chiaro se per l’accesso allo specifico fondo, sarà necessario presentare una nuova domanda di finanziamento o se verrà ritenuta valida quella già presentata a suo tempo.

    L’Amministrazione comunale al riguardo si è già attivata con la massima tempestività nella fase della progettazione dell’opera per preordinare la richiesta finalizzata all’ottenimento del contributo provinciale ed al riguardo si è concordata preventivamente con i Comuni di Calceranica al Lago e Tenna la gestione sovracomunale della struttura con un bacino d’utenza idoneo per realizzare la stessa.

    Inoltre è stato acquisito anche il preventivo parere favorevole della Comunità di Valle per quanto attiene la idoneità e la necessità della struttura per i tre comuni coinvolti.

    Nella fase della progettazione è stata inoltre coinvolta anche la Commissione comunale per le problematiche dell’infanzia.

    Il progetto è stato concordato con gli altri due Comuni coinvolti e sono stati acquisiti i pareri di rito della conformazione urbanistica sullo stesso.

    Una previsione di struttura stimata per una capienza di circa 40 bambini.

    Il progetto prevede inoltre di acquistare dal proprietario la porzione materiale n. 52 della p.ed. 1624 C.C. Caldonazzo per consentire una idonea disponibilità e sistemazione dei locali.

    Nel frattempo l’Amministrazione ha comunque messo in atto tutte quelle azioni finalizzate a sopperire la mancanza di tale servizio quali il mantenimento della convenzione con il Comune di Levico Terme per il servizio di asilo nido attualmente utilizzato da 5 bambini di Caldonazzo, il servizio di Tagesmutter ed il servizio di baby parking privato riconosciuto dal Comune.

    Confidando di aver fornito i chiarimenti richiesti si porgono distinti saluti.

    IL SINDACO
    - dott. Giorgio Schmidt –

    Bonifica sversam. gasolio. Interrogazione n.2

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…

    OGGETTO: Interrogazione sullo stato di bonifica sversamento gasolio.

    Con riferimento all’interrogazione di data 12.09.2011 relativa all’oggetto si precisa quanto segue:

    come evidenziato espressamente nella delibera giuntale n. 142 di data 05.07.2011 da Lei citata, l’Amministrazione ha attivato le procedure di recupero degli oneri conseguenti alle operazioni di bonifica per lo sversamento di gasolio sulla SS 47 avvenuto il giorno 05.04.2011, nei confronti della proprietaria del mezzo come da ordinanza n. 5 di data 18.04.2011 notificata alla Ditta stessa.

    Nei confronti della proprietaria si è formalmente comunicato con lettera prot. nr. 5306 di data 04.08.2011 che il Comune avrebbe anticipato gli oneri conseguenti stimati in circa € 10.280,00 + IVA con recupero integrale degli stessi.

    Non appena concluse le operazioni di bonifica si procederà alla rivalsa dell’onere effettivo, eventualmente anche in forma coattiva, che verrà introitato nell’apposito capitolo di bilancio alla voce rimborsi.

    Distinti saluti.

    IL SINDACO
    - dott. Giorgio Schmidt –

    Autolettura contatori. Interrogazione n.1

    Scarica qui l’interrogazione

    Questa la risposta:

                                Al capogruppo…

             Con riferimento alla interrogazione 12.9.c.a. relativa all’oggetto si espone quanto di seguito.
             L’Amministrazione Comunale ha inteso attivare, in forma sperimentale, la procedura della autolettura dei contatori,  metodologia già positivamente attivata da varie aziende di erogazione di servizi (energia elettrica, gas ecc.)
             Al riguardo si è ritenuto di avvalersi della diffusione del Notiziario Caldonazzese, accludendo nello stesso apposito tagliando, con invito agli utenti a restituire lo stesso compilato con i consumi rilevati nel periodo dal 01 al 15 ottobre del c.a.
             Il personale incaricato alla ricezione dei dati è rappresentato dagli impiegati dell’ufficio finanziario, che da anni cura la gestione di tale provento.
             Non a caso si è indicato il periodo sopraindicato per l’autolettura, al quale seguirà il tradizionale giro di letture da parte degli operai comunali, per gli utenti che non avranno corrisposto alla richiesta collaborativi citata o che avranno fornito dati molto discostanti dalle medie degli anni precedenti.
             Dopo la conclusione del termine assegnato, si potrà verificare la bontà dell’iniziativa, il cui fine è conseguire un risparmio del tempo impiegato degli addetti comunali ad effettuare le letture presso gli utenti.
             Distinti Saluti.                                               Il sindaco

    Dichiarazione sulla nomina del Commissario

    Con riferimento alla discussione sull’approvazione della Valutazione Ambientale Strategica, documento di analisi della variante al Piano Regolatore Generale, che esprime un giudizio tecnico fortemente critico nei confronti delle scelte urbanistiche adottate dalla precedente Amministrazione,
    il gruppo di maggioranza Un Futuro per Caldonazzo Brenta e Lochere,
    pur condividendo in pieno i contenuti ed i rilievi evidenziati nel documento, prende atto che, a causa delle dichiarazioni di incompatibilità di alcuni suoi membri non ha i numeri sufficienti in Consiglio Comunale per portare avanti in autonomia le modifiche alle scelte urbanistiche adottate e pertanto chiede al Sindaco e alla Giunta che si attivi presso la Pat per chiedere la nomina di un commissario ad acta.
    Conseguentemente a ciò si astiene sul punto.


    > Scarica qui il V.A.S., Valutazione Ambientale Strategica

    Articolo comparso su l’Adige il 22 settembre 2011


    Caldonazzo Bagarre in consiglio comunale: la minoranza, pronta a votare a favore, alla fine vota contro Variante al Prg: arriverà il commissario

    CALDONAZZO - Colpo di scena della minoranza nell'ultima seduta del consiglio comunale di Caldonazzo che ha definitivamente consegnato la variante del Piano regolatore nelle mani di un commissario straordinario. Ad innescare la bagarre in aula, il parere del Servizio urbanistica della Comunità di valle, a cui il Comune fece ricorso nel novembre dello scorso anno dopo la revoca dell'incarico all'Agenzia Metropolitana: «Lo scenario di sviluppo complessivo relega ad un ruolo secondario l'obiettivo di riutilizzo e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente - sintetizza la relazione - proponendo un consistente disegno di espansione urbana all'interno di programmi che coinvolgono principalmente soggetti privati. Contestualmente il piano non effettua una verifica sulla capacità insediativa del piano vigente tramite un rilievo di ambiti dove il potenziale edificatorio è ancora attivo». Una sonora bocciatura al lavoro dell'ex assessore all'urbanistica Alberto Grassi , ora consigliere di minoranza, considerato il padre putativo della variante al Prg. I punti critici, che presumibilmente indurranno la Provincia a chiedere pesanti modifiche, sono legati agli aspetti del consumo del suolo agricolo, alla verifica delle dimensioni residenziali e delle superfici a servizi nonché alla definizioni di previsioni in zona agricola di pregio del Pup giudicati «incompatibili sia per la destinazione che per la mancata compensazione». Servono otto voti, ma il sindaco Giorgio Schmidt può contare solo sul parere favorevole di cinque dei suoi (sui 10 aventi diritto, cinque consiglieri, sindaco compreso, escono dall'aula perché cointeressati). Ma è a questo punto che la minoranza, per voce di Grassi, lascia basiti i colleghi esprimendo l'intenzione di un voto a favore «in uno spirito di rinnovata collaborazione». Una disponibilità così esibita non basta a convincere la maggioranza che esplicita i suoi dubbi, ottenendo come risposta dai cinque consiglieri di minoranza uno stravolgimento della posizione assunta poco prima: un compatto voto contrario. Ad approvare la variante sarà dunque un commissario ad acta nominato dalla Provincia. Travagliata anche la discussione sulla «variante di Tenna», più precisamente sul tronco di pertinenza del comune di Caldonazzo chiamato ad esprimere un parere, che passerà con l'astensione della minoranza: «Siamo assolutamente favorevoli al tracciato numero cinque» relaziona il sindaco «quella che prevede il tratto in galleria di 5,578 km dal dosso all'altezza di maso Braito fino all'uscita a nord-est di maso alla Costa».

    Il Friuli  domina il Meeting delle Regioni

    La seconda giornata ha visto svolgersi sul Lago di Caldonazzo le gare di Canoagiovani dove protagonista sono state tutte le società impegnate con i loro atleti per raggiungere il massimo dei punti possibili per aggiudicarsi la classifica generale.
    Per quanto riguarda il
    Trofeo Canoagiovani, fase finale del circuito giovanile riservato agli atleti tra gli 8 e i 14 anni, la classifica generale vede sul gradino più alto del podio il Gruppo Nautico Fiamme Gialle seguito al secondo dalla Canoa San Giorgio con una differenza di soli 4 punti in meno ed al terzo posto la Canottieri Trinacria.
     
    Il
    Circolo Nautico Caldonazzo – società ospitante - si è classificato al 32° posto su 83 società partecipanti con un lusinghiero risultato complessivo.
    Nella giornata di ieri si erano concluse anche le gare valide per il
    Meeting delle Regioni dove la rappresentativa della Friuli Venezia Giulia si è aggiudicata il Meeting delle Regioni con 527 punti, al secondo posto la Sicilia (518 punti) ed al terzo posto il Lazio (502), mentre il Trentino ha chiuso ad un buon 11° posto.
    Quella 2011 è stata
    un’edizione da record: sono stati 858 i ragazzini di età compresa fra gli 8 e i 14 anni, ed un totale di 1.509 equipaggi; 83 complessivamente le società iscritte, provenenti da tutto lo Stivale.
    I rappresentanti della Federazione nazionale canoa kajak (Luciano Bonfiglio ePresidente e Adelfi Scaini resp. settore giovanile) hanno espresso - all’organizzazione nel suo complesso, formata da Circolo Nautico Caldonazzo, Apt Valsugana – Lagorai e dalle Amministrazioni locali - le congratulazioni ed i ringraziamenti in quanto in questa quarta edizione consecutiva si è raggiunto un livello di efficienza mai raggiunto in passato.

    Caldonazzo attende i giovani canoisti

    Da venerdì 2 a domenica 4 le finali nazionali del settore giovanile
    L’oro europeo Irene Burgo testimonial d’eccezione



    Sono stati presentati quest’oggi nella Sala del Consiglio del Comune di Caldonazzo due appuntamenti clou del calendario giovanile federale di canoa, vale a dire la 4^ finale consecutiva del Trofeo Canoa Giovani, tappa conclusiva di un circuito a prove, e il Meeting delle Regioni, una qualificata rassegna dei migliori atleti delle varie regioni italiane che si svolgeranno sul Lago di Caldonazzo il prossimo week end.
    Il presidente dell’ Apt Valsugana Stefano Ravelli ha aperto la conferenza stampa affermando che il lago di Caldonazzo si può considerare la location più adatta ad ospitare gare di livello nazionale ed internazionale e che si candida in futuro ad essere la migliore alternativa al Centro federale nazionale di Castelgandolfo. Creare un centro federale per la canoa di alto livello consentirebbe di sviluppare stabilmente quella vocazione che negli ultimi anni ha portato il lago di Caldonazzo alla ribalta della canoa sia giovanile che per gli atleti professionisti di questo sport che tante soddisfazioni sta dando all’Italia. Bastano ricordare atleti del calibro di Antonio Rossi e Josefa Idem che fino a pochi anni fa aveva scelto il lago di Caldonazzo come sede per i propri allenamento e che ancora per le olimpiadi del 2012 sarà in corsia a difendere i colori dell’Italia.
    Creare un centro di alto livello nazionale per la canoa sarà possibile se tutte le forze in campo Amministrazioni, Comunità di Valle, Provincia ed operatori locali sapranno convergere verso questo importante obiettivo. Il presidente Ravelli ha poi letto alcuni dati dell’edizione scorsa che ha visto a Caldonazzo occupata da oltre 1500 persone con un riscontro di occupazione delle strutture ricettiva di tutta l’alta valle pari a 3400 presenze stimate ed un indotto pari a circa 250.000 euro.Leggi il resto...